A Mola di Bari, “QUELLI DEL DIPLOMA….1982”

0
Un salto attraverso i ricordi per i più nostalgici tra chi ha vissuto i mitici anni ’80, o semplicemente cercare di comprenderne l’essenza, per chi è nato dopo?
Potrebbe essere anche tutto ciò quello che si potrà vivere attraverso il lavoro della Compagnia La Bottega del Teatro ( da Caserta) che andrà in scena Sabato 10 marzo 2018h.21,00
con la commedia “QUELLI DEL DIPLOMA….1982“.
 
Si tratta dell’ennesimo grande appuntamento al Teatro Angioinoin Mola di Bari (Ba) che con la direzione artistica di Francesco Capotorto, continua il meraviglioso viaggio della XVIII Stagione di Prosa 2017/18.

Gli interpreti saranno  Peppe RomanoMichele Tarallo e Pierluigi Tortora.

Testo e regia sono di  Pierluigi Tortora.
Quelli del diploma….1982” è la storia di tre compagni di classe che si rivedono dopo trent’anni dal diploma conseguito nell’anno del mitico mondiale vinto dalla nazionale italiana, con il centravanti juventino Paolo Rossi capocannoniere, cosa che non c’entra nulla con la vicenda narrata, ma visto che andiamo incontro ad un’estate senza l’Italia al mondiale, l’operazione nostalgia mi ha riportato alla mente anche questa vicenda, ma non divaghiamo oltre.
Michele Tanzillo, Peppe Bifone e Pierluigi Caprio vivono tre mondi assolutamente diversi.
L’incontro è procurato dalla ricerca di uno dei tre che attraverso un social contatta gli altri due per rivedersi una sera a cena.
Si ritroveranno quasi da sconosciuti, ma ben presto attiveranno una serie di ricordi che immediatamente li faranno sentire nuovamente vicini e amici.
Cosa che chiunque ha vissuto, quando rivede una persona dopo tanto tempo, l’imbarazzo iniziale, la scintilla che riporta praticamente tutti indietro nel tempo…
Purtroppo talvolta capita che le strade si dividano nuovamente, o che anche se non succede, ci si renda conto che quei tempi sono passati ed è difficile che possano ritornare.
Quella alla quale assisteremo, comunque è una storia che parla di amicizia, ma anche di tanta solitudine compagna dei nostri giorni.
La rimpatriata si rivela necessaria per tutti e tre dopo che la vita ha giocato loro brutti scherzi, deludendoli. Luogo di incontro è la casa di Michele, un prete a cui manca la sua vita sociale e che invita i suoi due amici delle scuole superiori per non stare da solo: il serioso Peppe, ex attore di fiction che in seguito al fallimento della sua storia sentimentale, perde anche il lavoro, e il simpatico Pierluigi, un personaggio balbuziente, che nella vita è sempre stato costretto ad arrangiarsi e non si è mai arreso.
Pierluigi, nonostante i suoi problemi di lavoro e le sue avventure rocambolesche, si rivela il personaggio più comico e felice, un mediatore tra i due amici che ha sempre qualcosa da dire. Insieme trascorreranno un’intera serata a confidarsi a giocare e cantare, rischiando talvolta il litigio quando l’amara verità ritorna a galla.
Il ritorno al passato, però, può essere un punto di ripartenza: voltarsi indietro è indispensabile per affrontare la realtà e andare avanti, meglio se in compagnia.
Sono il gioco, il teatro e la musica a riportare la pace tra gli amici che per trascorrere del tempo insieme, giocano ai mimi, cantano insieme, e ricordano i tempi passati come tempi spensierati, quando le uniche cose a cui pensare erano le ragazze e le marachelle.
Oltre a fungere da deus ex machina, la musica scandisce il tempo e già dall’inizio dello spettacolo ci riporta agli anni ’80.
Certamente lo spettatore attraverso la storia e i tre caratteri dei personaggi riderà di gusto e si divertirà, ma al tempo stesso avrà la sensazione per il tempo dello spettacolo di essere uno dei tre.
Info e prenotazioni nei seguenti giorni della settimana: ogni venerdì, sabato e domenica presso il Botteghino del Teatro Angioino, in via S. Pellico n.7 in Mola di Bari (Ba) dalle 18:30 alle 20:30,
tel: 080.4713061.
Codividi.

About Autore

Redazione

Lascia una risposta

16 − tre =