Monopoli e il matrimonio “reale”, tra speranze di promozione turistica e scivolata sulla “buccia di banana”

Ieri, presso il Castello Carlo V di Monopoli, è stato celebrato il matrimonio tra Charlie Gilkes, proprietario di vari ristoranti e noto per aver fondato il Bari “Bunga Bunga” a Londra e Anneke Von Trhota Taylor, una PR britannica. L’evento è stato definito da subito “matrimonio royal” perché, tra gli invitati alla cerimonia figuravano addirittura alcuni componenti della famiglia reale inglese, il principe William e Kate, e Pippa Middleton e Harry, quest’ultimi poi realmente presenti all’evento gossip dell’estate monopolitana 2014. A celebrare il matrimonio l’assessore Rosanna Perricci. Arrivo e partenza in barca a vela, sfilata per il centro storico e tanta curiosità da parte dei tanti monopolitani corsi ad applaudire la coppia di sposi come i sudditi di sua maestà britannica. L’evento, dall’immancabile visibilità per la nostra città, sebbene ormai è noto che la Puglia è meta privilegiata del turismo dei britannici da diversi anni, prova ne è l’acquisto di masserie da parte di inglesi, ha suscitato tanto entusiasmo tra i monopolitani, soprattutto tra gli operatori turistici che intravedono la possibilità di implementare il loro business, peraltro non misero visto e considerato che Monopoli risulta la sesta meta secono il sito casa vacanze.it I festeggiamenti sono poi proseguiti in strutture di alto livello nel fasanese. Ciò premesso e forti della finalmente e ormai apprezzata bellezza del nostro centro storico, è lecito chiedersi: ma non si poteva fare attenzione a qualche particolare che rischia comunque di trasformare in un boomerang un evento dal forte richiamo mediatico? Gli illustri ospiti, oltre alla bellezza del nostro mare e del nostro borgo antico hanno potuto apprezzare anche quell’indecenza rappresentata dalla struttura ubicata nei pressi del Castello, di proprietà della Capitaneria di Porto, un vero e proprio ricettacolo di immondizia e degrado che ledono l’immagine da cartolina di Monopoli. E poi quanto potrebbe costare la pitturazione della ringhiera del Castello, ubicata proprio nei pressi dell’ingresso? Cultura turistica non è solo eventi importanti, ma anche attenzione alla cornice di quegli eventi che, se si scivola sulla classica buccia di banana, potrebbe rischiare di vanificare tutto. <<Non è bastato neanche il matrimonio inglese! – dicono al Comitato Costa Libera di Monopoli -dopo tanti mesi di comunicazioni, rimaste inascoltate, per far ripulire lo scempio che era sotto gli occhi di tutti i visitatori che si affacciavano dal Castello Carlo V, speravamo che finalmente, col matrimonio dei VIP inglesi celebratosi ieri nel Castello, tra i quali c’erano il principe Harry e Pippa, si procedesse alla pulizia e bonifica dell’immobile che versa in completo stato di abbandono, sito nei pressi del Castello>>.

Cosimo Lamanna

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: