Monopoli, ancora cemento sulla città?

Con i soli voti di 13 consiglieri comunali della maggioranza di centro destra, con diversi assenti per conflitto di interesse e i consiglieri minoranza che hanno abbandonato l’aula, è stato approvato nel corso del Consiglio Comunale di ieri il “Piano Casa” che, in sostanza, prevede che si possano trasformare vecchie e nuove costruzioni destinate a capannoni industriali, ubicate in zone industriali, in appartamenti. Il Piano Casa è illegittimo ad avviso del prof. Stefano Carbonara che ricorda come “l’art. 45 del Piano Urbanistico validato nel novembre dei 2019 per l’adeguamento al PPTR della Regione prevede che venga eseguito il monitoraggio del PUG stesso da parte dell’Ufficio del Piano per controllare il numero delle abitazioni che si posso autorizzare“. A proposito è giusto evidenziare alcune domane: è stato istituito l’Ufficio di Piano? Esiste una relazione? Quante licenze sono state rilasciate e per quanti appartamenti dall’adozione del PUG avvenuto nel 2010? Sono state rispettate le previsioni del Piano per quanto riguarda il rapporto tra case e servizi di interesse generale come verde pubblico, spazi pubblici, edilizia sociale e popolare? “In assenza di questi elementi -conclude Carbonara – il Piano Casa è illegittimo, oltre che essere un obbrobrio stante l’enorme numero di licenze rilasciate per centinaia di nuove abitazioni negli ultimi anni“. Di parere opposto è, invece, il consigliere di maggioranza Alessandro Scisi che dal suo profilo fb così commenta con soddisfazione: “una maggioranza compatta e con tanta voglia di continuare a far crescere e sviluppare questa città, una maggioranza che è stata capace di modificare IN MEGLIO una legge regionale, si perché questa sera si è approvata una delibera che a mio avviso molti comuni ci copieranno, una delibera che non parla di speculazione edilizia, una delibera che porterà uno sviluppo della costa nord di Monopoli, senza creare disparità per chi in precedenza ha investito su altri suoli edificabili, una delibera che porterà alloggi popolari per i cittadini più bisognosi … una delibera vista e rivista per tanti mesi e che finalmente questa sera è stata perfezionata ed approvata”. E’ lecito chiedersi: non bastava il PUG che già prevedeva centinaia di ettari di aree fabbricabili per le quali peraltro si corrisponde un’Imu senza che di fatto sono inutilizzate e chissà se realmente in futuro saranno edificate? A cosa servono tutte queste case se poi tanti cittadini monopolitani non possono permettersi il lusso di acquistarle o nemmeno trovare in affitto immobili?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: