Mola – Centrosinistra: “Assessori? Meglio non molesi”

A Mola, nessuno deve sentirsi straniero. Questa massima, trova nei pubblici amministratori vicini al centrosinistra i più fedeli e assidui interpreti. A nessuno sfugge, infatti, un particolare: da qualche anno, pur in presenza in città di validi professionisti, accademici, politici, ricercatori, tutti impegnati nei settori più disparati (umanistico, scientifico, agronomico, spaziale, ambientale e marittimo, bioeconomico, sanitario, artistico e culturale, urbanistico, energetico e della sicurezza), i sindaci e i partiti di centrosinistra evitano di nominare i concittadini molesi, anche se validi e accreditati. I casi più eclatanti e recenti? L’architetto Rossana Saponaro, di Noicattaro, nominata nel 2015 assessora ai lavori pubblici nella giunta di Giangrazio Di Rutigliano. L’allora primo cittadino, pressato dalle minoranze di centrodestra e dal suo successore Colonna, spiegò che in realtà lui e Nico Berlen (stratega prima della affermazione elettorale di Di Rutigliano, poi di quella di Colonna) avrebbero chiesto un impegno diretto all’architetto Angela Barbanente che rinunciò e indicò la sua allieva. Le nomine non molesi proseguono, sempre con Di Rutigliano che nel 2017 inserisce nella sua squadra persone indicate da De Caro, Emiliano e Tedesco: Francesco Paolo Avezzano Comes di Monopoli, Gianvito Pugliese di Bari, Giuseppe Cincavalli di Bari, Maria Cristina Ciriello di Santeramo in Colle. E’ stata la giunta più breve che si ricordi: nominata il 17 marzo 2017, disciolta il 4 maggio dello stesso anno dopo 47 giorni di governo cittadino. Nel 2018, il neo-eletto sindaco Giuseppe Colonna, anch’egli vicino al centrosinistra, esordisce nominando il 19 luglio 2018 assessora all’Ambiente e al Turismo Lucia Parchitelli, di Noci. La Parchitelli è una dirigente del PD che alle elezioni non aveva presentato la lista e fa parte del gruppo del sindaco di Bari De Caro e del segretario regionale Marco Lacarra (entrambi ex collaboratori del socialista, ma non solo, Alberto Tedesco, ex assessore regionale alla Sanità). A settembre del 2020 la Parchitelli, grazie ai voti della corrente De Caro-Lacarra viene eletta in consiglio regionale nel PD e viene sostituita, in giunta, da un’altra barese del PD della stessa corrente De Caro-Lacarra: Elvira Tarsitano. Le danno la … Bioeconomia. Mah! Per la cronaca, il PD alle Comunali del 2018 non era riuscito a presentare nè una lista nè un candidato sindaco. Questo, tuttavia, è un aspetto secondario perchè, come la recente storia politica cittadina insegna, per governare Mola non è necessario farsi eleggere. Si noti, infatti, come oltre al PD nessuno degli assessori nominati sia riuscito a farsi eleggere e non si è fatto eleggere nemmeno il deus ex machina di tutta questa manovra, l’architetto Berlen, non a caso l’unico sopravvissuto al terremoto che ha scosso la giunta Colonna (4 assessori a casa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: