A Conversano il vescovo espone la Croce del XIII sec esposta nelle epidemie

Il coronavirus fa paura. E nel giorno del Venerdì Santo, con le celebrazioni limitate come misura precauzionale contro la diffusione del Covid 19, si fa quel che si può pur di santificare la ricorrenza e ottemperare ai dettami dell’emergenza coronavirus. A Conversano ci si rivolge alla protezione della fede e il vescovo mons. Giuseppe Favale e l’arciprete della Basilica Cattedrale, don Felice Di Palma, hanno deciso di rispolverare il crocifisso in legno risalente al XIII secolo per invocare l’aiuto divino e scongiurare i rischi dell’epidemia. Per gli storici e i religiosi, quel crocifisso ha rappresentato un vero e proprio riferimento simbolico, una sorta di antidoto spirituale. “L’ultima volta è stato esposto in occasione della Seconda Guerra Mondiale” per chiedere il dono della cessazione del conflitto bellico” ha spiegato don Di Palma prima di togliere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: