Monopoli, cattivi odori, i grafici

Avremmo voluto aprire questa mattina di Pasqua in altro modo, ma ancora una volta Monopoli si è svegliata con l’incubo dei cattivi odori. Nessuna “resurrezione” per l’aria cittadina, purtroppo, che continua ad essere inquinata così come riportano le tabelle che indichiamo di seguito e che lasciamo alla libera interpretazione dei lettori. Certo non si può che riflettere sul fatto che con la Piperplast sequestrata, la Plastic Puglia chiusa per ferie da ieri e il traffico automobilistico cittadino ridotto ormai a quasi zero, si tratta di dati “strani”, ma speriamo quanto prima che le Autorità provvedano al promesso monitoraggio ambientale al fine di dare risposte certe e sicure sulla qualità dell’aria nella nostra città. Qui non si tratta di puntare il dito verso qualcuno o qualcosa e nemmeno di fare “terrorismo psicologico”, visto che i cittadini oggettivamente sentono puzze, qui si tratta solo di ottemperare a quanto la città aveva richiesto e la politica aveva deciso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: