Coronavirus, la fuga in avanti della politica locale

Il 4 maggio doveva essere la data della cosiddetta FASE 2, almeno nelle intenzioni del Governo Nazionale, ma a nemmeno una settimana da quella data la politica locale sia a livello regionale, sia a livello comunale, sembra essere stata colta da un’irrefrenabile voglia di fuga in avanti, come nelle gare di ciclismo, quasi a voler prendersi i meriti delle riaperture. E così ieri il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha pubblicato un’ordinanza con i punti di seguito esplicitati anche sulla sua pagina fb, che riportiamo:

DA OGGI 29 APRILE:

 OK RISTORAZIONE CON ASPORTO CON DIVIETO DI CONSUMAZIONE ALL’INTERNO E ALL’ESTERNO
 OK A TOLETTATURA ANIMALI DI COMPAGNIA PREVIO APPUNTAMENTO
 OK A PESCA AMATORIALE
 OK ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE IMBARCAZIONI DA DIPORTO
 OK ACCESSO AI CIMITERI
 PROROGATE LE ORDINANZE N.207 (STABILIMENTI BALNEARI), 209 (ATTIVITÀ AGRICOLE AMATORIALI), 212 (STRUTTURE RICETTIVE ALL’APERTO).

DAL 4 MAGGIO:

 OBBLIGO DI QUARANTENA DOMICILIARE DI 14 GIORNI PER CHI RIENTRA DA FUORI REGIONE PER SOGGIORNARE IN PUGLIA
 OK A MANUTENZIONE NELLE SECONDE CASE DI PROPRIETÀ

Lo stesso sindaco di Monopoli Angelo Annese, da parte sua, non è stato da meno e addirittura nel corso di una diretta fb serale ha voluto comunicare ai cittadini monopolitani le novità, qui sinteticamente riassunte:

DA OGGI 29 APRILE:

🔴 Sarà consentito l’accesso ai cimiteri

🔴 Gli esercizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie) potranno effettuare, oltre al servizio a domicilio, anche l’attività di asporto ma con espresso divieto di consumazione all’interno e all’esterno con l’obbligo di mantenere la distanza interpersonale di un metro.

🔴 Saranno aperte le attività di tolettatura degli animali di compagnia previo appuntamento, senza il contatto diretto tra le persone e comunque in totale sicurezza nella modalità “consegna animale toelettatura – ritiro animale”, utilizzando i mezzi di protezione personale e garantendo il distanziamento sociale.

🔴 Sarà consentita la pesca amatoriale.

🔴 Sarà consentita l’attività di manutenzione e riparazione di imbarcazioni da diporto.

DAL ‪4 MAGGIO‬ INVECE:

🔴 Obbligo di quarantena domiciliare di 14 giorni per chi rientra da fuori regione per soggiornare in Puglia.

🔴 La possibilità di recarsi nelle seconde case di proprietà per manutenzioni e riparazioni necessarie per la tutela delle condizioni di sicurezza e conservazione dei beni.

Le ordinanze n. 207 sugli stabilimenti balneari, n. 209 attività agricole amatoriali e allevamento, n. 212 campeggi e strutture ricettive all’aperto sono state prorogate sino al ‪17 maggio‬.

La domanda sorge spontanea: perché non attendere fino al 4 maggio? Perché rischiare proprio in prossimità di un ponte come quello del 1° maggio? Ci si è resi conto di cosa potrebbe succedere nel fine settimana?

Eppure soltanto ieri alcuni rappresentanti delle Forze dell’Ordine facevano notare di essere costretti a ancora sanzionare diversi indisciplinati che non avevano alcun motivo per essere in giro e che in taluni casi creavano pericolosi assembramenti. I drammatici dati di alcuni Paesi che avevano frettolosamente riaperto (Germania e Australia su tutti), dovrebbero indurci più che mai alla prudenza. Qualche giorno in più non avrebbe fatto la differenza, se non in termini di visibilità mediatica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: