Conversano città dell’accoglienza, benvenuto Bouakar!

DA VALERIO CONTE RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
Oggi voglio condividere con voi una mia esperienza personale: nel 2013, a Milano, ho conosciuto Bouakar Konare. Un ragazzo, orfano di padre, fuggito dalla Costa d’Avorio per poter garantire un futuro a sua madre e ai suoi fratelli.
Una fuga che l’ha portato a passare attraverso l’inferno libico dove è stato sfruttato e maltrattato. Infatti, in Libia, i diritti di queste persone vengono calpestati e i passaporti sequestrati. Diventano schiavi di organizzazioni che, dopo alcuni anni, decidono se farti o meno partire alla volta dell’Italia.
Bouakar, che parlava unicamente francese, per caso venne a chiedere un posto di lavoro in un cantiere che dirigevo. Anche se non parlava e non capiva l’italiano decisi di prenderlo a lavorare come manovale e da lì cominciò il suo riscatto… La vita di Bouakar e quella della sua famiglia, in Costa d’Avorio, cambió radicalmente. La sua famiglia si trasferì in Mali dove sono riusciti a costruire una casa in cui vivono dignitosamente.
Per il suo 25° compleanno decisi di fargli un regalo: viaggiamo da Bari fino a Roma per raggiungere l’ambasciata dove Bouakar potè rifare il passaporto.
Ha continuato a lavorare con me per diverso tempo.
Completati i cantieri al nord lo portai con me a Conversano dove è stato mio ospite ed ha fatto parte della mia famiglia per due anni fino a che non ha deciso di partire per la Francia insieme a dei suoi connazionali.
Sono orgoglioso di quello che oggi è diventato Bouakar e sono contento di aver contribuito, se pur in minima parte, a migliorare la vita di un ragazzo e della sua famiglia.
Tutto quello che ho fatto nella mia vita non è mai stato dettato da interessi, ma dal cuore.
Non penso di aver fatto una cosa eccezionale, l’ho fatta perché sentivo che era la cosa giusta e se mi dovesse ricapitare lo rifarei senza remore…
Accogliere una persona in difficoltà è una cosa straordinaria non per quello che deve passare alla società, ma per quello che provoca in se stessi.
Ci fa sentire vivi!
Provare per credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: