Monopoli, “cane lungo la carreggiata” la replica di Michele Cassano

Riceviamo e pubblichiamo la replica del Comandante della Polizia Municipale dott. Michele Cassano all’articolo pubblicato ieri dalla nostra redazione.

Egr. Direttore,

mi consenta una breve replica al contenuto dell’articolo apparso in data 7 febbraio sulle pagine del suo giornale dal titolo “Monopoli, cane “passeggia” sulla carreggiata ma la Polizia locale non può intervenire”.

Vorrei consegnarle alcuni dati estrapolati dall’attività svolta dal Comando che dirigo, che potrebbero fare maggiore chiarezza sull’attività e sulla solerzia della Polizia Locale di Monopoli in tema di controllo del fenomeno del randagismo e sulla tutela del benessere degli animali d’affezione .

Pensi che nel corso del 2020 le segnalazioni pervenute alla centrale operativa del Comando di Polizia Locale (e a cui è stato dato seguito!) sono state circa 164 per animali d’affezione vaganti sul territorio (cani e gatti), e dall’inizio del 2021 sono già stati registrati 22 interventi: insomma un intervento ogni due giorni!  

Come ben saprà, sul territorio esistono da sempre cani vaganti la cui reimissione in libertà dopo la cattura e la sterilizzazione effettuata dalla ASL, oltre al ricovero nel canile rifugio, è una pratica prevista dalla normativa regionale: è possibile incontrare randagi sul nostro territorio in quanto il fenomeno del randagismo, purtroppo, è endemico ed è alimentato dagli abbandoni di gente priva di scrupoli (abbandonare gli animali d’affezione è un reato penale!).

Per tale motivo, come obiettivo operativo della Polizia Locale di Monopoli, nel 2021 vi è una forte azione di contrasto al fenomeno dell’abbandono attraverso il controllo della documentazione e del microchip dei cani patronali. Molta attenzione sarà prestata anche alla tutela del decoro urbano con una altrettanto forte azione di contrasto alle deiezioni selvagge: a tal proposito, sono allo studio dell’Amministrazione Annese azioni ancora più efficaci di contrasto.     

Nel 2021 sono state già elevate n. 6 sanzioni per le deiezioni selvagge e il malgoverno di animali, segnando un trend in crescita rispetto all’anno precedente che ha registrato 32 contestazioni.  

Ringraziando il consigliere Franco Leggiero e tutti i cittadini che segnalano fatti di rilevanza alle autorità competenti, mi sembra che il veleno sulla coda dell’articolo de quo sia stato pretestuoso e infondato, e vada addolcito sulla base dei dati sopra descritti. E’ del tutto evidente che la Polizia Locale, tra gli innumerevoli interventi a cui è deputata, presta attenzione anche agli animali d’affezione, senza guardare alle generalità del segnalante ma, semmai, al tipo di intervento da effettuare, con una scala di priorità che vede in cima la sicurezza e l’incolumità delle persone.

Ringraziandola, le porgo Distinti Saluti

Il Dirigente/Comandante

Dott. Michele Cassano

 

N.D.R. Ci preme solo precisare che non era intenzione della redazione né di fare una battuta al veleno in coda all’articolo, né di polemizzare con il consigliere Leggiero o con il Comando della Polizia Municipale, ai quali questa testata offre sempre ampia visibilità per il loro operato, ma solo di evidenziare che in altre circostanze probabilmente si è proceduto diversamente rispetto a ieri, con ciò comprendendo che la molteplicità di compiti cui la Polizia Locale non consente agli operatori di essere sempre disponibili. Ringraziamo il comandante Cassano sia per i chiarimenti che per l’attenzione mostrata anche per l’opinione evidenziata nell’articolo, fermo restando il profondo rispetto e apprezzamento per l’operato che la Polizia Locale svolge quotidianamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: