Monopoli, la P.S. recupera e restituisce al proprietario una fresatrice

Il personale del Commissariato di P.S. prosegue in maniera costante l’attività a tutela del territorio dell’agro monopolitano, in virtù dell’impegno assunto in tal senso con il progetto di apertura del punto di contatto della Polizia di Stato in contrada Sicarico.

Questa volta particolare attenzione è stata rivolta al territorio posto al confine con il comune di Fasano. L’attività info-investigativa svolta dagli agenti del Commissariato infatti, aveva consentito di stabilire che alcune aree delle contrade di Losciale, Sant’Antonio D’Ascula, Macchia di Monte e quelle adiacenti, erano state utilizzate in questi ultimi giorni per occultare in modo provvisorio autovetture o mezzi agricoli proventi di furto in altre località del sud barese, in attesa di destinarli o al mercato dei pezzi di ricambio o alla restituzione in favore delle vittime previo compenso estorsivo di una somma di denaro, fenomeno che prende il nome di “cavallo di ritorno”.

L’inizio di una specifica attività del Settore Anticrimine ha consentito, in breve tempo, di trovare riscontri importanti in quanto proprio in contrada Losciale, al termine di un strada sterrata, i poliziotti di Monopoli – all’interno di una grotta rupestre – hanno rintracciato una fresatrice in buone condizioni di utilizzo.

L’attrezzatura agricola, del valore approssimativo di circa 5.000 euro, poteva rappresentare certamente oggetto di “riscatto” da parte di squadre specializzate in questa tipologia di furti, ma la tempestività dell’intervento degli agenti lo ha impedito, evitando un ulteriore aggravio di spese per l’azienda agricola di Fasano presso la quale la macchina era stata rubata due giorni prima, che non aveva ancora provveduto a formalizzare la denuncia. Gli accertamenti per risalire al legittimo proprietario, in ogni caso, erano stati avviati con i dati identificativi del mezzo e a seguito dei contatti con l’azienda venditrice.

Per lo spostamento da parte dei malfattori della fresatrice, strumento fondamentale per la gestione di una azienda agricola, del peso di circa 1 tonnellata, è stato necessario l’utilizzo di un trattore di grosse dimensione con una potenza superiore agli 80 cv.

Accertata la titolarità dell’attrezzatura, l’Autorità Giudiziaria ha già disposto la restituzione della fresatrice, mentre sono in corso indagini per risalire agli autori del reato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: