Monopoli, miasmi, richiesta di convocazione del Tavolo tecnico permanente

Riceviamo e pubblichiamo la nota sottoscritta da Vito Marchitelli referente del tavolo tecnico permanete, Anna Di Maio Europa Verde e Verdi Puglia, Vittorio Farella Comitato Chiudiamo Martucci, Pietro Brescia Ass. Quadrosfera Monopoli, Vito Antonio NicolaPilagatti, Ass. Revolution Monopoli Donato Cippone, Comitato per la tutela del territorio – Area Metropolitana di Bari, Luigi Catinella Comitato per la tutela delle Coste – Monopoli.

NOTA

Non avendo avuto riscontro o comunicazioni ufficiali successive agli accordi informali intercorsi in data 09.02.2021 tra il sottoscritto e l’ assessore all’ambiente Avv. Maraschio relativi alla convocazione del tavolo tecnico in oggetto.

con mail datata 30-10-2019 lo scrivente richiedeva al dipartimento di riferimento dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia la disponibilità per programmare un incontro con una delegazione della cittadinanza di Monopoli al fine di rappresentare le perplessità in merito alle molestie olfattive e alla qualità dell’aria che dal 2014 non trovavano risposte da parte dell’amministrazione comunale di Monopoli.

Con nota n. 8213 del 06-11-2019 il dipartimento di riferimento dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia rispondeva convocando una riunione per il 22-11-2019

Che in data 22-11-2019 partecipavano all’incontro anche l’assessore All’ambiente della regione Puglia Gianni Stea quale rappresentante del governo regionale e dell’indirizzo politico sui temi di inquinamento, qualità dell’aria e molestie olfattive; I rappresentanti dell’amministrazione Comunale di Monopoli ; i rappresentanti di Arpa Puglia; la delegazione dei comitati e associazioni territoriali e che a termine dell’incontro veniva istituito il tavolo permanente in oggetto.

Che in data 17-01-2020 aveva luogo il secondo incontro del tavolo tecnico permanente dove convocato con nota n. 0009 del 13-01-2020 alla quale veniva allegato il verbale del. Primo incontro assieme alle proposta di monitoraggio avanzate dai rappresentanti dei comitati e associazioni .

Che durante tale incontro venivano stabiliti i criteri di monitoraggio ambientale e sanitario da svolgere al fine di individuare le criticità all’origine della crescente preoccupazione da parte della cittadinanza di Monopoli.

Che con protocollo 3049 del 14-04-2020 ill dipartimento di riferimento dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia invitava Arpa Puglia a comunicare i risultati del periodo di monitoraggio iniziato il 12-02-2020 mediante l’ausilio di una centralina mobile che veniva dotata di sensori addizionali e strumenti di campionamento dell’aria finalizzati all’analisi olfatto metrica e quali quantitativa.

Che tale sistema di campionamento sarebbe stato attivato da remoto a seguito delle segnalazioni dei cittadini raccolte attraverso l’utilizzo della web app dedicata.

Che il dipartimento di riferimento dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia nella medesima nota invitava Arpa Puglia a proseguire per ulteriori due mesi la campagna di monitoraggio straordinario.

Che con protocollo n. 3764 del 15-05-2020 il dipartimento di riferimento dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia sollecitava Arpa Puglia a dare riscontro dei contenuti della nota prot. n. 3049 del 14 aprile 2020 del Dipartimento già richiesto successivamente con nota prot. n. 3189 del 22 aprile 2020‐nonché la trasmissione delle relazioni conclusive delle attività di monitoraggio dei composti odorigeni e che la ricezione della richiamata documentazione e l’approfondimento degli esiti dei campionamenti svolti da Arpa Puglia erano propedeutici alla convocazione di un successivo incontro del Tavolo Tecnico permanente.

Visto che :

in data 05-02-2021 Arpa Puglia relazionava in merito ai risultati della campagna di monitoraggio dell’aria concordata al tavolo tecnico Regionale durante la seduta della V commissione ambiente del Comune di Monopoli, di fatto fuori dalla sede istituzionale di riferimento prestabilita.

Che durante tale relazione emergeva la mancata attivazione sistema di campionamento dell’aria, strumento indispensabile al raggiungimento degli obiettivi concordati con le istituzioni Regionali.

Che durante la stessa seduta è emersa la mancata trasmissione da parte dell’amministrazione comunale di Monopoli dei dati relativi alle segnalazioni di molestia olfattiva.

Osservato che va altressi chiarito cosa abbia impedito la finalizzazione degli accordi tra amministrazione del comune di monopoli e Arpa Puglia, avviata in data 20.10.2015, giusta nota prot. N. 51017,dove il Comune di Monopoli invitava ARPA Puglia a fornire il supporto necessario al fine di definire, e quindi implementare specifiche azioni di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico nel territorio comunale, anche eventualmente replicando iniziative sperimentali già implementate dall’Agenzia e che tale percorso trova conclusione nella ATTO DELLA GIUNTA COMUNALE N. 174 del 30/11/2017 dove veniva DELIBERATO:

  1. DI PRENDERE ATTO della premessa, facente parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

  2. DI CONDIVIDERE le specifiche finalità del progetto finalizzato al monitoraggio delle emissioni atmosferiche ed odorigene nel Comune di Monopoli nonché tutti i relativi risultati (in termini di attività, prodotti e intese) sinora acquisiti, conseguiti e/o definiti in coerenza con gli indirizzi e le azioni già promosse dall’Amministrazione Comunale giuste deliberazioni di Consiglio Comunale n. 56 del 22.12.2014 e n. 29 del 23.05.2017 e deliberazione di Giunta Comunale n. 111/2015;

  3. DI CONDIVIDERE il progetto finalizzato al monitoraggio delle emissioni atmosferiche ed odorigene nel Comune di Monopoli, il quale, di fatto, si sostanzia nelle seguenti azioni:

Azioni Dirette (AD):

    1. Sviluppo di un sistema dedicato per la raccolta delle segnalazioni di molestie olfattive da parte dei cittadini

    2. Avvio della fase di raccolta delle segnalazioni (fase di start-up)

    3. Raccolta di campioni da inviare ad analisi olfattometrica (attività subordinata all’acquisto di idonea strumentazione dedicata alla raccolta di campioni)

    4. Analisi olfattometrica dei campioni raccolti;

Azioni di Sostegno (AS), a supporto delle azioni dirette:

  1. Campagna di comunicazione a supporto della fase di start-up

  2. Attività di comunicazione finalizzata alla presentazione dei risultati del monitoraggio;

  1. DI CONDIVIDERE ED APPROVARE lo “Schema di Convenzione” predisposto dal Comune di Monopoli e da ARPA Puglia, allegato al presente atto per farne parte integrante e sostanziale, regolante i reciproci rapporti finalizzati all’attuazione del progetto finalizzato al monitoraggio delle emissioni 3atmosferiche ed odorigene nel Comune di Monopoli;

  2. DI DARE MANDATO al Sindaco, o suo delegato, in qualità di legale rappresentante del Comune di Monopoli, di sottoscrivere la Convenzione;

  3. DI CONDIVIDERE la necessità di implementare, al di là delle attività strettamente previste nello Schema di Convezione, tutte le ulteriori specifiche azioni necessarie alla piena ed efficace implementazione del progetto finalizzato al monitoraggio delle emissioni odorigene nel Comune di Monopoli, così come individuate di concerto dal Comune di Monopoli e da ARPA Puglia;

  4. DI INDIVIDUARE quale Responsabile del Progetto, per le attività derivanti dall’attuazione della Convenzione, l’ing. Amedeo D’Onghia, dirigente dell’A.O. IV,

  5. DI DARE MANDATO al Responsabile del Progetto di porre in essere tutti i conseguenti atti necessari all’implementazione del progetto finalizzato al monitoraggio delle emissioni odorigene nel Comune di Monopoli, sia per quanto attiene le azioni strettamente riferite alla Convenzione regolante i rapporti con ARPA Puglia, che per le ulteriori azioni necessarie.

 

Che di fatto tale delibera della giunta comunale di Monopoli non veniva mai ottemperata con particolare riferimento alle azioni dirette del punto 3. AD – 3 e AD – 4 e alle Azioni a Sostegno AS-1 e AS-2

Che dall’analisi dei dati epidemiologici trasmessi da ARESS in data 24-02-2020 emerge l’insorgere di una probabile criticità di natura ambientale – sanitaria ;

Che il documento tecnico scientifico in allegato alla presente evidenzia preoccupanti anomalie relative alla mortalità’ osservata tra la popolazione residente nel comune di Monopoli

premesso quanto sopra riportato lo scrivente in qualità di referente del Tavolo Tecnico permanente

RICHIEDE

Con urgenza la convocazione del Tavolo Tecnico permanente cosi da poter dar seguito a quanto sospeso da gennaio 2020 avendo appreso a mezzo stampa delle recenti attività di indagine da parte delle AG

INOLTRA PER CONOSCENZA

Alla competente Procura della Repubblica il presente documento.

N.D.R. La richiesta, peraltro, è integrata da uno studio statistico condotto da Vito Marchitelli, inviato alla Procura della Repubblica di Bari, nel quale si parla, con riferimento a Monopoli, di “un eccesso di mortalità’ riguardante il periodo 2016-2019. Tale eccesso di mortalità’ di fine 2019 coincide con la crescente preoccupazione riguardanti la qualità’ dell’aria e con le lamentele che hanno portato la battaglia della cittadinanza di Monopoli a manifestare per ottenere risposte chiare. Risposte che la città’ di Monopoli attende da oltre 15 anni, risposte rimaste inascoltate, con incomprensibili ritardi imputabili all’amministrazione locale, ad ARPA PUGLIA e all’ufficio DI STUDI EPIDEMIOLOGICI della REGIONE PUGLIA“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: