Mola, interpellanza al Sindaco Colonna

Mola, interpellanza al sindaco Giuseppe Colonna da parte dei consiglieri comunali, Vitantonio Battista, Michele Daniele, Sebastiano Delre, Giangrazio Di Rutigliano, Giovanni Gallo e Michele Palazzo. Queste le loro parole: «Da quando, 3 anni e mezzo fa, è iniziata questa consigliatura, Mola ha sempre avuto un sindaco a mezzo servizio: prima come impiegato al comune di Castellana, poi al comune di Triggiano, poi come funzionario alla Città Metropolitana di Bari, alle dipendenze di un altro sindaco. Dipendenza non in senso figurato ma giuridico.

Ritenendo che:

– per la risoluzione dei tanti problemi di Mola è indispensabile avere un sindaco a tempo pieno, e non un funzionario di altro Ente che svolga l’attività di Sindaco nei ritagli di tempo che il suo lavoro a tempo pieno in Città Metropolitana gli consente

– perchè, sia chiaro a tutti: attualmente il sindaco Colonna, contrattualmente e normativamente risulta a tempo pieno in Città Metropolitana e svolge il ruolo di sindaco nei ritagli di tempo che il suo lavoro principale gli consente

– tra l’altro nel pomeriggio, quando gli uffici comunali sono a regime ridotto se non totalmente chiusi: le attività comunali si svolgono essenzialmente di mattina

– inoltre dubitiamo che il nostro sindaco abbia la serenità necessaria per opporsi ad interessi eventualmente in contrasto con gli interessi di Mola, con l’inevitabile conseguenza che gli interessi di Mola sono destinati a soccombere

– crediamo che le giornate del sindaco abbiano la stessa durata degli altri esseri umani quindi è materialmente, umanamente, matematicamente impossibile che possa svolgere due attività entrambe a tempo pieno

– d’altronde il  sindaco ha tutto il diritto di curare la sua carriera professionale all’interno delle istituzioni pubbliche, carriera che sta avanzando velocemente

– troviamo impossibile che riesca contemporaneamente a guidare la nostra comunità senza una applicazione a tempo pieno nel ruolo di sindaco, come si vede dalle centinaia di  problemi che restano insoluti nel nostro paese

– Mola merita un sindaco a tempo pieno e non un sindaco dopolavorista.

Pertanto si interpella il sindaco Colonna su cosa intende fare riguardo al prosieguo di questa consigliatura:

– intende proseguire con il ruolo di sindaco dopolavorista mantenendo il suo lavoro a tempo pieno in Città Metropolitana, sottraendo energie o alla sua attività di sindaco o alla sua attività in Città Metropolitana?

– o intende mettersi in aspettativa dall’impiego in Città Metropolitana e di dedicarsi a tempo pieno al ruolo che i cittadini molesi gli hanno affidato quasi 4 anni fa: dedicarsi a tempo pieno alla risoluzione dei problemi molesi

– o intende dedicarsi alla sua carriera professionale e dimettersi da Sindaco? 

Perchè Mola non si merita un sindaco dopolavorista».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: