Confagricoltura Puglia: “Comprendiamo i camionisti, ma protesta danneggia gli agricoltori”

“Comprendiamo le motivazioni degli autotrasportatori che protestano per i rincari dei carburanti, ma lo sciopero danneggia gli imprenditori agricoli e rischia di portare al collasso un intero settore”, così il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro sullo sciopero, convocato a oltranza, che sta coinvolgendo tutte le province della regione è stato organizzato dagli autotrasportatori per accendere i riflettori sul caro-carburante, un pieno per un camion oggi costa oltre il 50% in più rispetto a qualche mese fa.

“Capiamo bene le motivazioni della protesta – dice – anche perché gli aumenti colpiscono pure le aziende agricole che usano i carburanti per i loro mezzi. Ma il blocco dei trasporti rischia di provocare danni per milioni di euro ai produttori di ortaggi e prodotti freschi, a partire dai carciofi e dai cavolfiori per arrivare al latte. Inoltre, i ritardi rischiano di lasciare senza cibo il bestiame nelle stalle”. “Servono nell’immediato – dunque – delle corsie per i prodotti deperibili e per l’alimentazione animale e un intervento da parte delle istituzioni. È necessario mettere un freno a questi aumenti senza controllo ed evitare il tracollo dell’economia agricola e gli scaffali vuoti nei supermercati”.

È da evidenziare che il settore agricolo, oltre al caro energia, negli ultimi mesi ha subito aumenti fuori controllo, a volte anche del doppio, su quasi tutte le materie prime: e tra queste fertilizzanti, imballaggi e sementi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: