Castellana, primo incontro pubblico tematico del candidato sindaco Domenico Quaranta

Agricoltura, commercio e artigianato, questi i temi del primo della serie di incontri pubblici tematici promossi dalla coalizione “Castellana è…” guidata dal candidato sindaco Domenico Quaranta. All’incontro sono intervenuti alcuni esponenti delle liste a sostegno del candidato sindaco, Vanni Sansonetti e Daniele Tauro per la lista “Laboratorio Popolare” e Pina Bulzacchelli della lista “Domenico Quaranta Sindaco”, oltre che ad alcuni esponenti delle associazioni di categoria. Diversi i macro-temi trattati nel dibattito che si è svolto nella sede del comitato elettorale in via dell’Olmo 8 (ex SHINE).

Primo fra tutti il DUC, il distretto urbano del commercio, approvato e costituito durante l’attuale mandato amministrativo tra l’ente e le associazioni di categoria maggiormente rappresentative, che ha partecipato, in partnership con gli altri DUC territoriali (Putignano, Alberobello, Noci, Locorotondo) ad un bando per finanziare il documento strategico del commercio che si occuperà, non solo di temi prettamente legati al commercio, ma anche di aspetti turistici ed urbanistici. Questo strumento consentirà la nuova definizione dell’area mercatale e tutti i temi che riguardano lo sviluppo economico della città. Grande spazio dell’incontro è stato dedicato ai temi agricoli ormai strettamente connessi con il turismo, l’enogastronomia e la promozione del territorio. Il candidato sindaco Domenico Quaranta, insieme ai candidati al consiglio comunale, si farà promotore di iniziative legate allo sviluppo del turismo in masseria attraverso percorsi esperienziali che coinvolgeranno l’intero territorio rurale.

Si è parlato anche delle problematiche del comparto partendo da quelle che sono le necessità attuali, come ad esempio i problemi legati alla siccità, alla xylella e delle calamità naturali. A questo proposito è stato ricordato l’impegno degli esponenti della coalizione in materia di sopralluoghi al fine di consentire agli agricoltori danneggiati di accedere ai ristori destinati al comparto oltre che all’affidamento della gestione dell’impianto di affinamento delle acque reflue, ora e fino al 30 giugno per tutti gli agricoltori con terreni sul tracciato della rete di distribuzione ci saranno delle condizioni particolarmente vantaggiose per l’allaccio.

Sul fronte dell’artigianato si è dibattuto delle azioni poste in essere per chiudere i conteggi riguardanti gli assegnatari dei suoli della zona “PIP A” e finalmente alcuni professionisti si stanno occupando di ricostruire l’annosa situazione al fine di fissare i prezzi dei suoli ed effettuare il conguaglio. Finito questo iter si potrà partire con l’edificazione della zona PIP B.

Se chiamata a governare la città, l’impegno della coalizione sarà quello di snellire i tempi della burocrazia con un impegno preciso affinché sia l’ufficio tecnico che gli uffici alle attività produttive possano facilitare gli investimenti privati affiancando ai tecnici presenti nuovo personale o società di servizi esterne, tornando quindi ad investire sulla politica occupazionale del municipio ed, eventualmente, esternalizzare alcune funzioni gravose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: