I giovani della BCC scrivono alla Cassa Centrale Banca

di Antonio GALIZIA

Credito cooperativo: dal salernitano una sollecitazione alla Cassa Centrale Banca a istituire nel Sud uno dei Poli Specialistici Informatici della Ccb. A chiedere attenzione verso le Banche di credito del Centro-Sud che nella quota del 30% sono presenti in Ccb (vi fanno parte anche le Bcc di Conversano, Monopoli, Alberobello e Sammichele, Locorotondo, Cassa e Tolve, San Giovanni Rotondo, San Marzano e dell’Alta Murgia) è l’Associazione Bcc Aquara Giovani. In una lettera a Cassa Centrale Banca chiedono “l’istituzione di un polo specialistico nel Sud Italia in vista della nuova organizzazione industriale dei servizi informatici del gruppo bancario”. Nella lettera indirizzata il 5 febbraio scorso al direttore generale Mario Sartori, al presidente Giorgio Fracalossi e al c.d.a. (vi fa parte anche il presidente della Bcc di Conversano Giuseppe D’Orazio), il presidente dell’associazione Rossella Di Stasi ha evidenziato che l’ipotesi di lavoro finora elaborata da CCB prevede solo cinque poli specialistici, dislocati in altrettanti regioni, tutte del Nord Italia, e ha chiesto pertanto che la distribuzione debba “essere riesaminata in maniera più rispondente al perimetro in cui ricadono le Banche associate al Gruppo, tenendo conto della circostanza che oltre il 30% di esse è territorialmente dislocato nel Centro Sud”. Nella lettera sono state evidenziate anche le opportunità presentate dal territorio in cui insiste la Bcc di Aquara, invitando a considerarlo nel piano industriale del Gruppo, in via di definizione, per la collocazione del centro specialistico.
IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA
Spett.le CASSA CENTRALE BANCA, stiamo seguendo con interesse le vicende che riguardano la riorganizzazione industriale dei servizi informatici e bancari del Gruppo. In particolare, leggendo il vostro comunicato stampa del 13.11.2019, abbiamo appreso con piacere che: “Attraverso la nuova organizzazione, saremo in grado di migliorare l’efficienza, semplificando la governance, ottimizzando gli investimenti a livello di Gruppo e costituendo poli specialistici, anche territoriali”. In questi giorni, tuttavia, è stato reso noto dalla stampa (v. Il Sole 24 Ore del 22 gennaio c.a.) che l’ipotesi di lavoro finora elaborata prevede 5 centri specialistici, dislocati in 5 Regioni, tutte del Nord Italia. Riteniamo che tale ipotesi di distribuzione territoriale dei centri possa essere riesaminata in maniera più rispondente al perimetro in cui ricadono le Banche associate al Gruppo, tenendo conto della circostanza che oltre il 30% di esse è territorialmente dislocato nel Centro-Sud. Una presenza al Sud Italia appare, quindi, quasi indispensabile. Desideriamo sottolineare in merito alcune opportunità presentate dal territorio su cui insiste la Banca di Credito Cooperativo di Aquara, augurandoci che nel piano industriale del Gruppo, ad oggi in via di definizione, possa ancora trovare spazio la nostra proposta, individuando nella provincia di Salerno la sede di un centro specialistico. La provincia di Salerno, infatti, presenta tra le altre, le seguenti caratteristiche: – il posizionamento nodale rispetto alle Regioni del Centro e Sud Italia; – la presenza dell’Università degli Studi di Salerno, rinomato polo universitario recentemente interessato da un importante intervento di riqualificazione infrastrutturale, che rappresenta un serbatoio di svariati profili professionali (informatici, economici, etc.); – l’accessibilità grazie alla presenza della Linea dell’Alta Velocità, all’aeroporto di Napoli e all’aeroporto di Salerno; – la disponibilità di edifici commerciali a prezzi appetibili e certamente inferiori rispetto a quelli che si registrano nelle zone economicamente più sviluppate dove pure insiste l’attività del Gruppo; – la possibilità di beneficiare di sgravi di natura contributiva per le assunzioni, anche da parte di datori di lavoro con sedi lontane dal Mezzogiorno, presso unità operative collocate nel Mezzogiorno (fra i vari sgravi si segnala il c.d. “Bonus Sud” – Legge n. 145/2018 e successive modifiche). A questi principali vantaggi strategici si unirebbe anche il valore sociale di una tale operazione, poiché questo territorio risulta essere ancora svantaggiato sotto il profilo economico ed occupazionale; la disoccupazione giovanile si attesta intorno al 30% e molti giovani, soprattutto i più qualificati, sono costretti ad emigrare, nella migliore delle ipotesi verso le Regioni del Nord Italia, come riportano periodicamente tutti i media e il recente Rapporto Svimez. Alla luce di quanto finora descritto, il quadro che emerge risulta, a nostro modesto avviso, appetibile per il Gruppo e in perfetta sintonia con la responsabilità sociale nei confronti dei territori locali, contemplata nel Codice Etico del Gruppo. Pertanto, la presente comunicazione vuole essere un invito alla Capogruppo a prendere in considerazione la candidatura del nostro territorio, bisognoso e allo stesso tempo generoso, quale luogo ove collocare un polo specialistico. Confidando in un pronto interessamento, siamo disponibili ad instaurare un confronto più approfondito atto a rendere concreta questa possibile occasione lavorativa per i nostri coetanei. Cordiali saluti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: