Golf, il Coronavirus ferma Francesco Laporta a Doha

L’emergenza coronavirus ferma Francesco Laporta, unico tra i 7 golfisti azzurri annunciati a saltare il Commercial Bank Qatar Masters di Doha (5-8 marzo). “Sono stato l’unico penalizzato – ha dichiarato all’ANSA il 29enne pugliese -. Al mio arrivo dall’Oman (dove ha giocato l’Oman Open, ndr) a Doha ho subito un controllo, mi sono ritrovato lì con 40 connazionali arrivati da Milano Malpensa. Siamo stati trattati con rispetto e accolti anche dall’ambasciatore italiano ma le soluzioni erano due: quarantena per due settimane o ritorno a casa, non ho avuto alternative. Ho preso un volo per Roma e ora sto andando in Puglia”. Confermata invece la presenza in campo, nel torneo dell’European Tour, di Renato Paratore, Edoardo Molinari, Andrea Pavan, Guido Migliozzi, Lorenzo Gagli e Nino Bertasio. Tutti sono entrati regolarmente a Doha ieri sera, la conferma è arrivata via ANSA da Paratore. “Abbiamo passato il controllo regolarmente”. Due pesi e due misure da parte delle autorità locali? Laporta non ci sta: “E’ una situazione davvero strana – ha detto all’agenzia – che non riesco a spiegarmi e che mi penalizza fortemente. Non avevo febbre né niente e ora non so neanche quando potrò tornare in campo. La settimana prossima dovrei giocare il Kenya Open (12-15 marzo) ma non so ancora se potrò farlo per la situazione d’emergenza epidemica in cui versa l’Italia”. Un danno pesante per l’azzurro, anche in chiave qualificazione olimpica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: