Monopoli, Manisporche “ingiustificabile perseverare con alcune scelte”

Il 24 agosto scorso, con la Delibera di Giunta Comunale n.150, in assoluta solitudine, l’amministrazione Annese poneva le premesse per lo stanziamento di 81.967 euro per gli eventi del Natale 2020 e per lo spostamento di 50mila euro di fondi Covid destinati alle imprese in difficoltà, verso la realizzazione di un video spot promozionale della Città. Non si sa perché e con quali dati, l’Amministrazione preconizzava che l’emergenza Covid fosse ormai in fase conclusiva. Inoltre, determinava la distrazione di fondi Covid, oggi più che mai utili per far fronte alle prime emergenze. Il comunicato dell’Assessore al Turismo Christian Iaia a difesa di quelle spese assume il sapore acre della giustificazione della marachella per conto di un’intera Giunta.

Pur considerando importante continuare a lavorare per la valorizzazione turistica della città, e pur plaudendo al lavoro fatto e al bando in corso per il potenziamento e l’affidamento dei servizi turistici (info-point, comunicazione turistica, luoghi di interesse culturale), che pure meriterebbero una rinnovata attenzione sotto il profilo organizzativo, riteniamo assolutamente ingiustificabile perseverare con alcune scelte a cui corrispondono spese considerevoli (video promozionale, eventi natalizi) in un momento come questo.

In merito alla definizione delle scelte sulle problematiche generate dalla pandemia, contestiamo l’assoluta mancanza di partecipazione che già alcuni mesi fa ci portò, in un Consiglio Comunale, a uscire da un tavolo che non ha avuto alcuna prosecuzione anche per il resto dell’opposizione, confermando che ci avevamo visto lungo.

Per il bene dei nostri cittadini, chiediamo l’annullamento in autotutela del bando per gli eventi natalizi 2020, in scadenza il 12 novembre p.v., la definizione di una procedura più snella per i pochi elementi di reale utilità (ad esempio le luminarie) evitando che il peso di tale iniziativa ricada sulle associazioni di categoria, già piegate dalla crisi, nonché il reintegro delle somme sottratte ai fondi dell’emergenza.

Chiediamo, inoltre, l’apertura immediata di un dialogo con gli attori principali dell’emergenza che riguardi:

–  Il riavvio del Centro Operativo Comunale (COC) e dell’eventuale fondo per i soggetti e le famiglie che dovessero trovarsi in situazione di disagio

–  Il supporto per Caritas, Croce Rossa, realtà assistenziali e sindacati che in periodo di lockdown hanno svolto, e possono continuare a sviluppare un ruolo determinante nella gestione della crisi

–  Il sostegno a tutte le piccole realtà associative sociali e culturali, che rischiano di essere travolte dalla seconda ondata e che, tutti i giorni durante l’anno, garantiscono funzioni vitali per la città

–  La definizione, con l’ASL, di una rete territoriale e sanitaria (USCA) funzionante ed efficace

–  Le agevolazioni per le realtà economiche, non esclusivamente legate al settore food, che rischiano di vedere una profonda contrazione dei propri fatturati

–  L’implementazione della sezione dedicata sul sito del Comune di Monopoli con l’indicazione puntuale dei casi giornalieri, i servizi offerti per l’emergenza e i contatti attraverso i quali sia possibile offrirsi come volontari per sostenere attività specifiche

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: