Dava soldi a usura e percepiva il Reddito di Cittadinanza

I Finanzieri del Nucleo Operativo Metropolitano, all’esito di una complessa ed articolata attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Bari, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere – emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica – nei confronti di un pluripregiudicato barese, ritenuto
responsabile a vario titolo dei reati di usura e di esercizio abusivo dell’attività del credito perpetrati a danno di svariati soggetti molti dei quali piccoli imprenditori baresi con contestuale sequestro dei beni nella disponibilità dello stesso. L’attività investigativa – condotta dalle Fiamme Gialle a partire da gennaio 2019 – ha portato alla luce un complesso sistema di usura, posto in atto dal pluripregiudicato, il quale effettuava prestiti di denaro, a partire dal 2012, pretendendo tassi d’interesse annui che arrivavano anche al 120%, approfittando delle difficoltà economiche e dello stato di bisogno delle sue vittime avendo come base la propria abitazione presso un immobile in un quartiere periferico della Città Metropolitana.
Le indagini supportate dall’attività di intercettazione, appostamenti anche mediante sistemi di video-ripresa, indagini finanziarie ed escussione in atti di molteplici vittime hanno permesso di individuare numerosi episodi di usura ed abusivo esercizio dell’attività finanziaria. Singolare il fatto che l’uomo ha continuato a gestire in prima persona i suoi traffici illeciti, anche in regime di detenzione domiciliare, per l’espiazione di una pena detentiva per fatti legati a delle vecchie pendenze penali. Nel corso delle indagini si è registrata una certa reticenza da parte degli usurati i quali, avendo timore della figura criminale del soggetto, gravato da numerosi precedenti di polizia, omettevano di denunciarne l’operato. Il soggetto colpito dalla misura cautelare risulta essere anche percettore del “Reddito di cittadinanza” avendo comunicato agli uffici preposti di non percepire alcuna forma di reddito. L’attività di servizio in rassegna testimonia la costante attenzione operativa della Guardia di Finanza all’individuazione e all’aggressione di ogni canale illegale di accesso al credito, che sempre più spesso, anche a causa dei riflessi economici negativi sull’economia dovuti alla crisi pandemica da Covid-19, coinvolge gli imprenditori e le famiglie in difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: