Pellegrini sul Nuovo Codice della Strada

A partire da mercoledì 10 novembre, in Italia è entrato in vigore il nuovo Codice della Strada che contiene delle nuove regole da adottare in ambito stradale. Le novità introdotte sono tante, in particolare sono state indicate nuove disposizioni per il parcheggio dei disabili. Infatti, mentre prima i contravventori venivano multati con un’ammenda di 168 euro e 2 punti decurtati dalla patente, dal 10 novembre in poi la multa sarà di 672 euro e 6 punti da togliere agli automobilisti. I disabili potranno parcheggiare dal 1 Gennaio 2022 gratuitamente anche su strisce blu. Inoltre, sono entrate in vigore nuove regole anche per i parcheggi rosa e per la circolazione dei monopattini elettrici, che non potranno superare i 6 km/h di velocità durante il transito nelle aree pedonali e non potranno viaggiare oltre i 20 km/h in tutti gli altri casi. E non potranno circolare né sostare sui marciapiedi – salve deroghe comunali – né circolare contromano. Da sottolineare inoltre che il nuovo Codice della Strada introduce anche il divieto di pubblicità sessista o discriminatoria e multe aggiornate e più salate per chi usa il cellulare alla guida. In quest’ottica, le sanzioni sono estese anche a pc portatili, tablet e altri device. Le novità riguardano anche il foglio rosa, che durerà un anno e non più sei mesi. Anche per il casco in moto ci sono novità: se il trasportato non porta il casco, a prescindere dall’età viene multato il conducente. Infine, il nuovo Decreto Infrastrutture, che include un sostanzioso aggiornamento del codice della strada, prevede anche la trasparenza delle multe: i Comuni dovranno dichiarare a cosa saranno destinati i proventi delle sanzioni.

“Per quanto riguarda i proventi delle multe, in ottica di maggiore trasparenza nell’utilizzo degli incassi, il nuovo codice della strada prevede che gli enti locali dovranno pubblicare una relazione annuale relativa alla destinazione dei proventi. Tale relazione dovrà essere pubblicata sul sito istituzionale dell’ente. – spiega il consigliere comunale Domenico Pellegrini di Noi al Centro – Il tema della trasparenza è un tema molto caro per l’opposizione di Noi al Centro. Da tempo chiediamo all’Amministrazione Vitto di essere più trasparente. Con queste nuove regole, l’Amministrazione dovrà necessariamente indicare dove saranno destinati i proventi delle multe. In passato l’amministrazione non era solita indicare le destinazioni dei soldi raccolti con le multe. Adesso la musica cambia: ci auguriamo che Vitto possa far sue le intenzioni del legislatore, modificando il suo operato opaco in un nuovo approccio votato alla trasparenza amministrativa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: