Urban Readers, rigenerazione urbana dei luoghi della cultura di Noicattaro

Il progetto Urban Readers rientra nel finanziamento dell’avviso STHAR LAB della Regione Puglia. Affidato dal Comune di Noicàttaro all’Associazione Culturale Pigment Workroom, verrà realizzato in collaborazione con l’artista Geometric Bang, la Biblioteca Comunale “Giuseppe Di Vittorio”, Cime, l’APS Ziczic e i partner del territorio: Associazione Ali di Carta – Presidio del libro di Noicàttaro, LUTE – Libera Università della Terza Età, L’Abbraccio dei piccoli e Società Cooperativa Sociale SoleLuna.

Urban Readers si inserisce nel percorso di recupero e valorizzazione della Biblioteca Comunale Giuseppe Di Vittorio, avviato in precedenza dal Comune di Noicàttaro, dalle Associazioni del territorio e dai cittadini, al fine di portare agli occhi di tutti, tramite l’arte pubblica e laboratoriale, il grande cambiamento in corso.

Si darà avvio ad un lavoro che trasmetta il valore di tutte le idee e di tutte le proposte fatte in questi mesi e che possa, sotto il segno stilistico dell’artista Geometric Bang, ri-estetizzare la Biblioteca Giuseppe Di Vittorio all’esterno e all’interno dei suoi spazi rinnovati.

Il progetto, tramite i laboratori di serigrafia e di sartoria, si pone l’obiettivo di coinvolgere i cittadini di Noicàttaro reinterpretando la tradizione popolare legata all’esposizione, sui balconi delle abitazioni, di coperte e stendardi dedicati alla Madonna del Carmine (Patrona del paese). Attraverso la realizzazione di bandiere e arazzi, verrà raccontata una storia in un percorso espositivo pubblico che omaggerà e accompagnerà la nascita del nuovo Polo della Cultura cittadino e decorerà, attraverso le opere realizzate, permanentemente i suoi spazi interni ed esterni.

L’artista Geometric Bang, oltre che guidare i laboratori, tradurrà tutto il percorso del progetto in un’opera che verrà realizzata sul prospetto della Biblioteca G. Di Vittorio e che nasce dall’idea di realizzare un abecedario sotto forma di bandiere. La parete verrà suddivisa in 21 (numerazione dell’alfabeto italiano) rettangoli (bandiere) al cui interno verranno rappresentate una lettera e una scena, o un elemento, che inizia con la lettera stessa.

“Come Amministrazione Comunale abbiamo promosso la street art quale strumento per riqualificare alcuni spazi pubblici e veicolare messaggi particolari, come fatto sul prospetto della sala consiliare, in occasione della Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne. – dice Raimondo Innamorato, Sindaco del Comune di Noicàttaro – Per questo oggi siamo particolarmente felici di avviare un progetto che utilizzi un linguaggio innovativo in un luogo, come la Biblioteca, così importante per la socialità e lo sviluppo della cultura”.

“Dal nostro primo insediamento stiamo portando avanti un progetto di rilancio della Biblioteca Comunale con l’intento di trasformarla in un polo innovativo e attrattivo della cultura di Noicàttaro, che sia un luogo di incontro, di scambio e condivisione. – dichiara Germana Pignatelli, Assessore allo Sviluppo Territoriale del Comune di Noicàttaro – In questa ottica ci è sembrato interessante utilizzare lo strumento della street art per veicolare un messaggio che possa attrarre soprattutto le fasce giovanili per riportarle a condividere luoghi come questo”.

“La nostra Associazione è fiera di rientrare in un percorso così corposo e importante come il rinnovamento della Biblioteca Comunale di Noicàttaro. La decorazione del suo prospetto non è che l’ultimo passaggio condiviso con i residenti mediante talk e workshop per le e i nojani di tutte le età, iniziati anni fa assieme ai preziosi partner che ci accompagnano. – ribadisce Mario Nardulli, Presidente Pigment Workroom – L’arte urbana ha il grande potere di trasformare superfici anonime comunicando la nascita di qualcosa di nuovo, e questo processo è ancora più vero se avviene in forma orizzontale assieme ai residenti. Ecco perché vogliamo coinvolgere i cittadini di Noicattaro nel processo creativo, affinché sentano propri i luoghi della cultura della propria città e siano partecipi della loro crescita. Per questa ragione non c’era artista più indicato di Geometric Bang nel realizzare quest’opera, grazie alla sua esperienza nella creazione di lavori collettivi e di importante rilievo internazionale. A lui è garantito l’appoggio di una rete di associazioni locali, come il Presidio del Libro, l’ATI L’Abbraccio dei Piccoli – Cooperativa Soleluna e la LUTE – Libera Università della Terza Età, Noicàttaro e player internazionali come CIME e Zic Zic per la co-gestione dei processi organizzativi e partecipativi”.

“Come artista sono molto entusiasta di far parte di un progetto così completo e condiviso.

La biblioteca di Noicattaro diventerà un vero e proprio polo culturale e sono felice di poter dare il mio contributo per arricchire esteticamente un edificio che conterrà al suo interno educazione, unione, condivisione e gioco. – sottolinea l’artista Geometric Bang – Per me l’arte urbana, innestandosi nel territorio, dovrebbe sempre essere condivisa ed elaborata con le persone che lo vivono ogni giorno. Il mio intento è di realizzare un abecedario, quindi costruire l’alfabeto italiano attraverso immagini, che raccontino in parte il territorio ma che porti il territorio a fantasticare oltre i propri confini, come succede quando si legge un libro”.

“L’importanza e la forza di questo progetto sono nella sua capacità di considerare l’arte e la cultura degli strumenti capaci di generare sviluppo e crescita del territorio. – dichiara Vito Cramarossa, direttore CIME – Intervenire, con il progetto Urban Readers, nel percorso in atto nel Comune di Noicàttaro di ripensamento della Biblioteca Comunale Giuseppe Di Vittorio, è una sfida entusiasmante per noi perché, tramite questo progetto, potranno nascere nuove idee che derivano dal confronto, dall’incontro e dalla contaminazione tra persone ed artisti provenienti da esperienze e realtà diverse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: