Ciclismo, alla Puglia l’edizione 2022 del Campionato italiano maschile élite su strada

L’anno scorso furono le donne. Quest’anno gli uomini. Sarà la Puglia a ospitare l’edizione 2022 del Campionato italiano maschile élite di ciclismo su strada. Un premio al merito organizzativo del 2021 e allo stesso tempo una nuova occasione per tagliare altri traguardi di ambizioni. Dal Gargano al Salento la Regione è pronta ospitare l’evento nazionale più importante del mondo professionistico: un evento che coinvolgerà tutta la Puglia in un progetto che abbraccia tutta la Regione con una strategia qualificata e omogenea per far crescere il turismo in bicicletta in ogni luogo della nostra terra. L’appuntamento è per il weekend del 25 e 26 giugno (da stabilire se il sabato o la domenica). Il consiglio Nazionale della Federciclismo ha assegnato i Tricolori uomini alla Puglia all’unanimità, come sottolinea il presidente della Fci, Cordiano Dagnoni: «Il Consiglio si è espresso in modo univoco e unanime, ritenendo, ancora una volta, di dare fiducia al territorio di Costa dei Trulli e del circondario anche per premiare e sottolineare il grande lavoro fatto lo scorso anno quando, in meno di un mese, le amministrazioni di quella porzione di Puglia hanno dimostrato straordinaria capacità organizzativa per il Campionato italiano donne». Nel frattempo i sindaci di Costa dei Trulli e di altri territori della Regione hanno sottoscritto nei mesi scorsi, a Mattinata, un protocollo per la promozione del territorio pugliese attraverso grandi eventi di ciclismo. «Faccio i complimenti ai 26 sindaci del patto di Mattinata che hanno già dato prova di essere un gruppo coeso, efficiente, determinato e appassionato – sottolinea Dagnoni – con la grande regia di Tommaso Depalma e la preziosa collaborazione di Michele Longo.

Quando i consiglieri hanno sentito il nome di Alberobello hanno sgranato gli occhi perché è un territorio che ha un fascino e una bellezza che non hanno bisogno di presentazioni. Depalma e Longo sono sindaci di provata caratura e rappresentano un gruppo di primi cittadini e di città che sono un valore aggiunto per il territorio che guidano. Sono certo che anche in questa occasione i sindaci di Puglia sapranno dare prova di grande organizzazione». Intanto il presidente Cordiano Dagnoni sarà in Puglia, martedì 1 marzo (ore 11), per incontrare in Regione, in conferenza stampa, insieme ai 26 sindaci firmatari del patto di Mattinata, il vice presidente della Regione Puglia e assessore allo Sport Raffaele Piemontese e l’assessore al Turismo e Impresa Turistica Gianfranco Lopane, perché sport e turismo pedalano sulla stessa strada di visioni strategiche. All’ordine del giorno diversi temi, tra cui la presentazione della squadra mista Puglia-Lazio e dei talenti locali team Terenzi Eurobike Terra di Puglia e Andria in bici, la presentazione di altri eventi promossi dai territori del Patto di Mattinata, bike economy e l’allargamento del Patto ad altri 18 Comuni. Il protocollo, infatti, ha riscosso talmente tanti consensi che i Comuni che vogliono aderire sfiorano i 50. In Regione, quindi, il presidente Dagnoni avrà modo di dialogare con vecchi e nuovi aderenti al Patto. «Questa è solo una ciliegina sulla torta che abbiamo immaginato – dice il sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma, delegato della Federazione per la Bike Economy, presidente del Consorzio Bici Futura e delegato Anci Puglia per la mobilità sostenibile e corretti stili di vita – e il primo marzo daremo l’idea della grandiosità del nostro progetto. Questo campionato arriva quasi inaspettato ma lo accogliamo con molto entusiasmo e ringraziamo la Federciclismo per la fiducia». «Il campionato italiano maschile è un traguardo che volevamo raggiungere nella certezza che il binomio sport-paesaggio permette di veicolare ancora di più le bellezze della nostra Puglia – dice il sindaco di Alberobello e delegato Anci Puglia per il Turismo Michele Longo – la bike economy è una possibilità di sviluppo ulteriore per il nostro territorio e la grande visibilità che queste manifestazioni offrono diventano il veicolo migliore per promuovere le nostre bellezze. Alberobello ha già sperimentato in termini di organizzazione e comunicazione la forza di queste manifestazioni sul territorio e anche questa volta darà il massimo, insieme a tutti i Comuni coinvolti, per garantire il meglio». E, dato che non c’è due senza tre, il prossimo traguardo da scollinare potrebbe essere una tappa del Giro. Ma, il sogno nel cassetto (e i firmatari del Patto non lo ha mai nascosto) è una edizione del Mondiale uomini. I sindaci sono già scattati sui pedali e il Tricolore élite potrebbe essere un altro treno (giusto), dopo quello «rosa» dello scorso anno per lanciare la volata. Vincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: