Monopoli, aria inquinata, intervento del Comitato

Buongiorno, a seguito dell’incontro tenutosi in sala consiliare il 28/09 relativo al progetto AMONG, riteniamo opportuno rendere pubbliche le nostre considerazioni nel seguente comunicato.
Sarebbe gradita una pubblicazione sulla vostra testata, grazie e buona giornata.

“PROGETTO AMONG, ALCUNE BREVI CONSIDERAZIONI

Circa un anno e mezzo fa, il 15 aprile 2019, veniva presentato un progetto di ricerca denominato “AMONG”, che – si legge nel comunicato stampa diramato dal Comune di Monopoli – si sarebbe dovuto “inserire nell’ambito di attività di monitoraggio ambientale e sanitario in itinere” ed avrebbe mirato “a creare una rete di sensori di monitoraggio ambientale”.
Lunedì scorso, su invito della Consigliera comunale Silvia Contento, abbiamo partecipato ad un incontro svoltosi presso la Sala Consiliare del Comune. Un invito che abbiamo recepito doverosamente, ma spinti da curiosità autentica, per cercare di comprendere le potenzialità di questa iniziativa.
Dobbiamo purtroppo riferire che nella circostanza non abbiamo avuto modo di evincere elementi utili ai fini del raggiungimento degli obiettivi del Comitato Respiriamo a Monopoli.
L’iniziativa “AMONG”, per le informazioni raccolte direttamente ed indirettamente, non appare infatti in grado di fornire le risposte che la cittadinanza di Monopoli attende da tempo e con apprensione.
Si tratta, in estrema sintesi, di un progetto di ricerca non ancora validato, le cui basi scientifiche sono perciò ancora tutte da costruire.
Altro si potrebbe aggiungere, ma non spetta a noi chiedere il perché un’iniziativa che prevedeva una serie di confronti tra le aziende impegnate nella sua Progettazione e Sviluppo e gli utilizzatori finali, cittadini e P.A., non abbia realizzato nulla di tutto questo e si stia mestamente per concludere senza aver attivato alcun coinvolgimento. Non abbiamo avuto in effetti notizia di “Focus Group Online” e “Workshop” che si siano svolti presso il Comune di Monopoli, come pure era stato annunciato in sede di presentazione.
Non sappiamo se nei tre mesi che mancano al termine del Progetto (peraltro già prorogato, ci è sembrato di capire) sarà possibile raccogliere almeno qualche dato che possa risultare, anche minimamente, utile ad implementare le conoscenze sulla qualità dell’aria di Monopoli.
Quello che invece abbiamo compreso bene e ci sentiamo di affermare è che “AMONG” non è in nessun modo annoverabile tra i progetti di monitoraggio ambientale e sanitario che il Comitato Respiriamo a Monopoli sta richiedendo e di cui la nostra città ha urgente bisogno.
Comitato Respiriamo a Monopoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: