La forza dell’unione, gli esercenti pronti alla mobilitazione

La forza di questo comunicato sta nelle sigle che lo hanno sottoscritto. Per la prima volta insieme FIPE(Confcommercio) FIEPET(Confesercenti) e le associazioni autonome del coordinamento regionale.

Stiamo costruendo un percorso inedito che superi la frammentazione, alcune divisioni e diffidenze del passato e concorra con rinnovato impegno ad ottenere risposte immediate alla condizione drammatica, e per tanti ormai divenuta insostenibile, in cui versano gli ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE dell’intero territorio regionale.
Fipe, Fiepet e il coordinamento regionale associazioni Horeca chiedono al Governo ed agli Enti locali che diano DIGNITA’ ad un comparto che ha giocato un ruolo fondamentale per il miglioramento della qualità della vita, nell’accreditamento dell’immagine della Puglia nel mondo e che rimane imprescindibile per il rilancio della stessa nel futuro.
Un settore oggetto di dure restrizioni continuative negli ultimi 5 mesi che hanno progressivamente aggravato nel tempo una situazione già drammatica e pesante e che non ha subito nessun altro comparto economico.
L’ assoluta inadeguatezza dell’entità dei ristori nell’ultimo DL Sostegni rischia di diventare per molti piccoli imprenditori una condanna definitiva alla chiusura, con inevitabili conseguenti ripercussioni sui livelli occupazionali dell’intera Regione Puglia.
CHIEDIAMO al governo ulteriori ristori, ma sarebbe più giusto chiamarli risarcimenti, che garantiscano la
sopravvivenza dell’intero comparto. E si rende subito necessario un credito di imposta sui fitti almeno fino a quando resteremo chiusi, che consenta di sanare la palese ingiustizia di dover ugualmente corrispondere un fitto a fronte dell’impossibilità di poter utilizzare I locali.
CHIEDIAMO alla Regione Puglia, che contrariamente alla prima fase della pandemia, è rimasta totalmente sguarnita di strumenti di sostegno all’ economia degli Esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, alla realizzazione di un fondo di EMERGENZA per il comparto, seguendo in tal senso l’esempio della vicina regione Basilicata e dell’Emilia Romagna.
CHIEDIAMO all’Anci e ai sindaci dei comuni e delle aree metropolitane della Regione Puglia di discutere quanto prima nuovi criteri che siano più perequativi rispetto alle tasse comunali per l’anno 2021, in conseguenza dell’utilizzo parziale delle attività.
Agli Enti locali chiediamo un confronto, una democrazia finalmente partecipativa che tenga in debito conto, come contributo, la nostra professionalità e le nostre competenze per dare quelle risposte che l’intero settore attende con urgenza.
E promuoveremo, se sarà necessario, nel pieno rispetto della legalità, forme di mobilitazione per difendere i diritti dell’intera categoria.

Fipe – Confcommercio
Fiepet – Confesercenti
Coordinamento Associazioni Horeca Puglia
Passione Horeca
Pani e Pesci, ristoratori a Brindisi
Associazione Ristoratori Polignano a Mare
Gruppo Ho.re.ca – Martina Franca Aps
Associazione Grottaglie Horeca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: