Discarica Martucci, le associazioni all’assessore Maraschio “chiudiamola”

Riceviamo e pubblichiamo, di seguito, una lettera che alcune associazioni, conversanesi e non, hanno indirizzato all’assessore regionale pugliese all’Ambiente e al territorio Anna Chiara Maraschio .

Pregiatissima Assessora Maraschio,

in relazione alla notizia dell’incontro in data 7 marzo u.s., riguardante il sito denominato discarica Martucci, ci preme evidenziare la nostra viva preoccupazione e ferma contrarietà rispetto all’ipotesi di riapertura e ripristino funzionale delle vasche di servizio e soccorso del sito stesso.

Il Consiglio Regionale della Regione Puglia, a seguito della forti pressioni popolari di cui le associazioni ambientaliste si sono fatte portavoce, iniziate sin dagli anni ottanta, e delle lunghissime vicende giudiziarie (in buona parte destinate a chiudersi solo con la prescrizione dei reati), nella seduta del 15 ottobre 2013, sulla base degli studi effettuati e delle conoscenze acquisite sullo stato dei luoghi nella “Area Vasta Contrada Martucci” e, in particolare, nei siti oggetto di “attività antropiche dedicate alla gestione dei rifiuti”, ha ritenuto essere evidenziati gravi problematiche relative a “compromissioni dei livelli di inquinamento”. E pertanto, votando l’O.d.g. n. 179, ha ritenuto necessario l’istituzione di un Comitato Tecnico per Contrada Martucci a cui ha affidato il compito di svolgere “attività ricognitive che consentano una più dettagliata conoscenza dei dati ambientali relativi a suolo, sottosuolo e falda nell’area vasta” al fine di valutare lo stralcio di detto sito di discarica dal Piano Regionale di Gestione Rifiuti, D.C n. 204 del 15/10/2013; a seguito di questo O.d.g. la Regione ha già investito risorse cospicue per indagini, purtroppo ancora non concluse, destinate ad acquisire adeguate informazioni sullo stato dei luoghi e sul suo utilizzo.

Il Comitato Tecnico, così costituito, alla luce delle indagini condotte su propria indicazione e dettagliate nel verbale allegato alla presente, ritiene conclusa la valutazione dell’“Area Vasta”, considerando necessario lo stralcio dal Piano Regionale, come da verbale del 29/10/2019.

In ottemperanza alle indicazioni del Comitato tecnico, i Consigli Comunali Conversano e Mola di Bari, riuniti in seduta congiunta monotematica in data 22/11/2019, approvano la Mozione per la messa in sicurezza del sito e il suo stralcio dal Piano Regionale sui Rifiuti, e impegnano “i Sindaci e gli organi di governo dei Comuni di Mola di Bari e Conversano a tutelare gli interessi delle comunità amministrate in ogni sede utile e competente – Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, ARPA Puglia, AGER, etc. – e pertanto a manifestare espressamente la ferma opposizione a ricomprendere C.da “Martucci” nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Puglia di prossima adozione; sollecitare le suddette Istituzioni affinché diano seguito agli atti necessari a realizzare tutte le opere di messa in sicurezza, monitoraggio e post gestione così come indicate nelle relazioni ARPA di cui al Tavolo Tecnico Regionale”.
Per quanto sopra evidenziato, riteniamo la “questione Martucci” debba ritenersi definitivamente chiusa in quanto sia il Comitato tecnico regionale, sia gli Enti Comuni competenti si sono chiaramente e definitivamente espressi per la messa in sicurezza e chiusura di tutti gli impianti di conferimento, nonché per lo stralcio definitivo del sito dal Piano Regionale di Gestione Rifiuti, come richiesto da delibera di Consiglio Regionale n. 204 del 15/10/2013.

La ringraziamo per la Sua sensibilità e attenzione, rimanendo a sua completa disposizione per eventuali incontri ed approfondimenti sul tema.

Per le scriventi associazioni Vito La Ghezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: