Monopoli, ANPI, rendere omaggio ai partigiani monopolitani

Il 25 Aprile è la Festa della Liberazione dell’Italia dal nazi-fascismo. Da quel moto di popolo nacque la Costituzione Repubblicana e Antifascista. Ricordare e commemorare è giusto, ma non basta.
L’Anpi chiama, oggi, ad un nuovo Risorgimento, perché la Costituzione venga integralmente applicata.
L’art. 3 della Costituzione deve essere ispirazione e guida delle scelte in materia economica e sociale.

La pandemia sta drammaticamente acutizzando le diseguaglianze sociali.

I finanziamenti europei devono essere utilizzati in primo luogo per l’innovazione, la transizione ecologica, la ricerca, la sanità pubblica, la scuola.

Occorre utilizzare questo straordinario flusso finanziario per avviare un modello di sviluppo che sia davvero nuovo e per colmare la distanza fra sud e nord e reagire alle disuguaglianze in aumento.
I vaccini vanno sottratti alla logica del profitto e considerati bene comune. È scandaloso arricchirsi sull’emergenza sanitaria.

L’ANPI Monopoli, come ogni anno, organizza la Festa d’Aprile. Quest’anno abbiamo scelto di rendere omaggio a Lidia Menapace, antifascista, partigiana, femminista e pacifista, venuta a mancare lo scorso dicembre, vittima del Covid 19. La partigiana Bruna – questo il nome di battaglia della Menapace – è stata una guida per la rinascita della nostra sezione. Pertanto abbiamo deciso di realizzare, con l’aiuto e le competenze della nostra sezione, un fotolibro dedicato a Lidia Menapace ed alle sue visite a Monopoli.

Il fotolibro verrà presentato alla città il 27 aprile alle 18.30 in diretta streaming sulla pagina Facebook della Biblioteca Rendella. Interverranno il Sindaco di Monopoli Angelo Annese, il presidente dell’ANPI Monopoli Valentino Lenoci, e altri ospiti che ricorderanno Lidia Menapace. Gli studenti del Polo Liceale “Galilei-Curie”, invece, avranno l’opportunità di sfogliarlo virtualmente in anteprima sabato 24  aprile, durante l’assemblea d’istituto.

Il 25 aprile, inoltre, la nostra sezione aderisce all’iniziativa nazionale “Strade della Liberazione”, durante la quale deporremo un fiore nei pressi delle strade intitolate ad antifascisti ed antifasciste, a partigiani e partigiane.

Per concludere chiediamo all’Amministrazione di accogliere la nostra richiesta di rendere omaggio permanente e visibile a tutti i combattenti/partigiani di Monopoli. Infatti, mentre sulla lapide commemorativa nei pressi di Palazzo di Città sono presenti solamente tre nomi, le ricerche condotte dalla nostra sezione ci hanno permesso di risalire all’identità di altri 23 monopolitani tra concittadini deceduti durante la deportazione nei lager e di Internati Militari Italiani che soffrirono, fame, freddo e sevizie per aver rifiutato di mettersi al servizio della Germania nazista e dei fascisti della Repubblica di Salò.

 

Monopolitani partigiani e combattenti nella guerra di liberazione dal nazi-fascismo

 

ALLEGRETTI Girolamo
di Eustachio. Nato a Monopoli il 23 ottobre 1915.
Combatte contro i nazifascisti, dal 3 settembre 1943 al 10 luglio 1944.
Sarto.

ALO’ Luca
di Onofrio. Nato a Monopoli, il 18 febbraio 1923.
Combatte, nelle file partigiane della Brigata “Buozzi”, dal 28 novembre1944 al 24 giugno 1945.

ARESTA Pietro
Nato a Monopoli, il 27 maggio 1916. Combatte nelle file della Brigata “Fontanot” — Divisione “Garibaldi-Natisone”. Caduto a Mrascevo, il 21 marzo 1945. Croce di Guerra

AVEZZANO Comes
 Nato a Monopoli, il 24 maggio 1915. “Tenente dei CC di stanza a Genova” rifiuta di eseguire la fucilazione di  otto patrioti. Viene disarmato, percosso, processato e condannato. Resterà in carcere fino al giorno della Liberazione.

BARLETTA Vito
di Paolo. Nato a Monopoli, il 29 settembre 1922. Combatte contro i nazifascisti, nelle file partigiane dell’ EPLI (Esercito Popolare di liberazione della Jugoslavia), dal 23 agosto 1944 fino al 15 settembre dello stesso anno, giorno in cui risulterà disperso in combattimento.
Studente.

BRESCIA Angelo Michele
di Domenico. Nato a Monopoli, il 27 ottobre 1923. Combatte contro i nazifascisti, nelle file partigiane della Formazione “Val Nure”, nel piacentino, dal 21 novembre 1944 al 28 aprile 1945.
Contadino.

BRESCIA Francesco
di Gaspare. DnL (deportato nei lager) Nato a Monopoli, il 19 ottobre 1923. Catturato e prigioniero dei Tedeschi fin dall’8 settembre 1943, evade, il 31 agosto 1944. Combatterà, poi, contro i nazifascisti, nelle file partigiane della Brigata “Pietrobon”, in provincia di Padova, dal 5 gennaio al 1maggio 1945.
Sellaio

BRESCIA Pietro
DDnL (
Deportato e deceduto nel lager).  Nato a Monopoli, il 5 luglio 1903.  Combatte dal 10 settembre 1943 al 5 marzo 1944. Catturato dai nazifascisti a Torino, viene deportato a Mauthausen il 20 marzo 1944. Successivamente, verrà trasferito nel sottocampo di Gusen, dove morirà, il 23 maggio 1945.
Congegnatore meccanico.

BUSCO Donato
Nato a Monopoli, il 29 ottobre1922 e deceduto nell’isola di Rodi, il 1 ottobre 1943, combattendo contro i Tedeschi.

DI LEO Francesco.
Nato a Monopoli. 17 ottobre 1912  Combattente della Divisione “Garibaldi”, in Jugoslavia

DI LEO Vito.
Nato a Monopoli, il 20 gennaio 1893. Già maresciallo maggiore dei carabinieri e poi combattente nelle file del FCRC (Fronte clandestino di Resistenza dei Carabinieri) “Banda Caruso”, dall’8 settembre 1943 al 4 giugno 1944, a Roma.

DI MOLA Vito
di Andrea.  Nato a Monopoli, il 9 maggio 1923. Combatte contro i nazifascisti, a Cefalonia. Disperso in combattimento, il 21 settembre 1943.
Agricoltore.

FILOMENO Nicola
di Francesco. Nato a Monopoli, il 29 maggio 1882. Combatte, per 19 mesi, nelle file della Brigata Gruppo “GBI” (uno dei raggruppamenti delle Brigate Garibaldi)

FINO Piero
di Mario. Nato a Monopoli, 1l 7 luglio 1920. Combatte, nelle file della Divisione “Valdossola”, per 11 mesi e 21 giorni.

GARRAPPA Giuseppe
Nato a Monopoli, il 14 aprile 1907. Combatte nelle file del Movimento cattolici comunisti – Banda ‘“Ossicini”, dal 1 ottobre 1943 al 4 giugno 1944, nel quartiere Monte Mario e La Storta, a Roma.

GIAMPIETRO Giovanni
Benemerito
. Nato a Monopoli, il 22 novembre 1905 e residente a Venaria (TO). Combatte contro i nazifascisti, con il nome di battaglia “Gianni”, nelle file partigiane della Brigata Sap “Mensa”, dal 1 settembre 1944 al 7 giugno 1945

GIANNOCCARO Ferdinando
di Carmine. Nato a Monopoli, il 4 giugno 1916. Con il nome di battaglia “Otello”, combatte nelle file della Divisione “Gramsci”- Brigata “Togni”, per 7 mesi e 23 giorni.

LAGANA Oscar. Nato a Monopoli, il 10 luglio 1922 (deceduto22 aprile 2005) . Militare di carriera (in servizio effettivo raggiungerà il grado di Generale di Brigata, successivamente quello di Generale di Divisione e di Corpo d’armata)
dopo l’8 settembre si schiera con il Governo Badoglio e partecipa alle operazioni di guerra contro i tedeschi.

MENGA Franco
Benemerito
. Nato a Monopoli, il 24 aprile 1913. Combatte, con il nome di battaglia “Rino”, contro i nazifascisti, nelle file partigiane della 3° Divisione GL – Langhe”, dal 1 aprile all’8 giugno 1945. Autista.

NAPOLETANO Paolo
di Donato. Nato a Monopoli, il 29 febbraio 1920. Combatte nelle file della Divisione “Garibaldi”’, dal 9 settembre 1943 al 25 giugno 1944. Morirà per “malattia”, causata dalla guerra, il 27 marzo 1946. Insignito della Croce di Guerra.
Contadino

PALASCIANO Pietro
Nato a Monopoli, l’8 ottobre 1915 Combatte, con il nome di battaglia “Pierino”, nelle file della 1* Brigata “Garibaldi”, dal 1 novembre 1944 al 7 giugno 1945.
Operaio.

PENNA Antonio
di Luigi. Nato a Monopoli, il 3 settembre 1876. Combatte contro i nazifascisti, a Napoli. Ferito il 30 settembre 1943.

PINO Salvatore
di Carmelo. Nato a Monopoli, il 20 agosto 1923. Combatte a Napoli dal 27 al 28 settembre 1943. Muore durante lo scontro contro i tedeschi.

PIRRELLI Vito
Nato a Monopoli, il 11.09. 1922. Combatte nelle file della Divisione “Garibaldi”, in Jugoslavia. Decorato con Medaglia di Bronzo.

SATALINO Angelo
Nato a Monopoli, il 4 aprile 1905, da Giacomo e Stucci Paola. Già carabiniere, detenuto nei lager – RSI, combatterà, poi, contro i nazifascisti, nelle file partigiane della Brigata “Matteotti – città”, a Bologna.

VIALE Pasquale
di Giovanni. Nato a Monopoli, il 22 maggio 1913. Combatte, dall’8 agosto 1944 al 28 aprile 1945, contro i nazifascisti, in provincia di Piacenza, nelle file partigiane della 1° Brigata “Oltrepò”.
Operaio capo perforatore

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: