Turismo, a Fasano ecco la Consulta del settore

Un organismo non solo consultivo, ma che rappresenti un raccordo costante tra istituzioni e realtà pubbliche e private operanti nel settore e che sia concreto strumento di partecipazione attiva. Perché il comparto turistico è risorsa primaria e fondamentale per lo sviluppo economico, sociale e culturale di tutto il territorio. 

Nasce a Fasano la Consulta del Turismo: all’interno ci saranno le associazioni di categoria, come in tutti gli organismi di questo genere, ma anche imprenditori e rappresentanti dei principali attrattori, per fare squadra insieme all’insegna di un unico ambizioso obiettivo: promuovere e sostenere il turismo e lavorare in sinergia per rafforzare e sviluppare ancora il settore, attraverso un metodo aperto e partecipato di condivisione di strategie e linee di intervento. 

Il regolamento per l’istituzione e il funzionamento della Consulta è stato approvato nella seduta del Consiglio Comunale di oggi, venerdì 11 febbraio. 

Compiti della Consulta. La Consulta avrà il ruolo di proporre all’amministrazione iniziative di promozione turistica, collaborando all’attuazione delle stesse; farsi portavoce di idee, esperienze e istanze provenienti dagli operatori economici del settore; avvalersi delle competenze di tecnici e amministratori pubblici, nonché esperti del settore, al fine di consultarli su specifici argomenti; collaborare con tutte le forze interessate e con tutte le organizzazioni e/o singoli interlocutori in grado di apportare contributi specialistici ed organizzativi; presenziare allo svolgimento di iniziative nell’ambito del turismo; effettuare sopralluoghi negli attrattori turistici per rafforzare la rete pubblico-privata; promuovere l’organizzazione di specifiche manifestazioni, dibattiti, incontri, allo scopo di valorizzare il turismo e la cultura dell’accoglienza; istituire gruppi di lavoro o commissioni tematiche; individuare e proporre all’amministrazione lo stanziamento di risorse da destinare al finanziamento di iniziative per la promozione turistica, per la riqualificazione dell’offerta culturale e turistica, per la realizzazione e il potenziamento di servizi per il turismo e per interventi a tutela e valorizzazione del patrimonio paesaggistico, culturale, ambientale, enogastronomico e delle tipicità agroalimentari. 

Composizione. La Consulta sarà composta da: coordinatore (individuato tra figure di comprovata esperienza e professionalità nel settore e nominato dal sindaco, di concerto con l’assessore al Turismo); assessore al Turismo o, in alternativa, consigliere comunale delegato dal sindaco; dirigente del servizio Turismo; rappresentanti delle associazioni di categoria e cooperative operanti sul territorio nell’ambito del turismo (ospitalità, servizi, commercio, fruizione e conoscenza del territorio); rappresentanti dei maggiori attrattori d’interesse turistico del territorio: patrimonio archeologico, patrimonio storico-artistico, parchi naturalistici;  rappresentanti di imprese titolari di strutture ricettive con disponibilità superiore a 50 posti letto o di gruppi di strutture ricettive della medesima proprietà con disponibilità superiore a 50 posti letto o raggruppamenti micro-territoriali di strutture alberghiere o extra-alberghiere con capienza totale superiore a 50 posti letto; il segretario. 

Come partecipare. Gli stakeholder pubblici e privati, e quindi le associazioni di categoria, gli operatori economici e i rappresentanti dei maggiori attrattori d’interesse turistico del territorio, per partecipare alla Consulta del Turismo, devono svolgere attività che dimostrino il coinvolgimento attivo nella filiera turistica. Gli stakeholder sono tenuti a far pervenire domanda di partecipazione all’ufficio Turismo del Comune di Fasano, secondo il modello predisposto dall’Ente comprovante i requisiti che sarà disponibile a partire da lunedì 14 febbraio 2022 su apposita sezione dedicata del portale istituzionale Città di Fasano.  

«Il turismo è la prima industria del nostro territorio e la responsabilità delle istituzioni è mettere in campo concrete strategie di crescita – dice il sindaco Francesco Zaccaria –. Per farlo è necessario un confronto e un raccordo costante con gli operatori del settore affinché si individuino strategie comuni e una visione di sviluppo del territorio che sia fedele alle reali esigenze e alle potenzialità di Fasano. La Consulta svolgerà costantemente un ruolo di cucitura con le istituzioni affinché ciascuno – enti, imprenditori, lavoratori del settore e rappresentanti di attrattori – agisca nell’ottica di uno stesso obiettivo: far crescere il comparto in termini di valorizzazione della bellezza e di sviluppo economico». 

«Gli operatori del settore sin dal mio insediamento hanno manifestato tra le priorità la necessità di partecipazione attiva, attraverso un confronto diretto e permanente con l’amministrazione comunale – dice l’assessore al Turismo Pier Francesco Palmariggi –. La Consulta è il primo passo per costruire una rete solida tra le realtà pubbliche e private che compongono la filiera turistica del nostro territorio. Tutti insieme, seduti attorno allo stesso tavolo, potremo lavorare per valorizzare Fasano con una strategia comune e stabilire le priorità da mettere subito in campo. Per farlo potremo contare su un patrimonio di competenze, di esperienze e di volontà che ci permetterà di pianificare un vero e proprio sistema Fasano, in modo mirato ed efficace. Così promuoveremo e sosterremo la prima industria del nostro territorio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: