A Noicàttaro presentato il progetto Power Sport

Non solo “sport per tutti”, ma “tutti insieme nello sport”. È l’obiettivo del progetto presentato dall’amministrazione comunale di Noicàttaro alle associazioni sportive del territorio dal titolo “Power Sport”. L’intento è sviluppare un’offerta sportiva che possa coinvolgere nello stesso momento tutti gli utenti, indipendentemente dalle loro diverse abilità.

«Un progetto davvero inclusivo – spiega il sindaco di Noicàttaro Raimondo Innamorato – che unisce nel nome dello sport tutti gli appassionati, andando oltre ogni barriera».

L’idea è stata presentata alle associazioni sportive del territorio in un incontro in sala consiliare con il sindaco Raimondo Innamorato, il vicesindaco e assessore alle Politiche Socio Sanitarie Nunzio Latrofa, l’assessore allo Sviluppo del Territorio Vito Santamaria, la delegata alla pianificazione di strategie/attività relative a disabilità e fragilità Anna Lisa De Caro, il delegato nei rapporti con le associazioni sportive Giacomo Innamorato e l’associazione sportiva dilettantistica di Trani Oltre Sport, prima ideatrice del calcio in carrozzina elettrica.

«Un’attività motoria e sportiva inclusiva porta con sé un insieme di meravigliosi obiettivi e traguardi che, a differenza dello sport tradizionale, non sono centrati solo sulla prestazione ed il risultato tecnico ma sono attenti, invece, alla crescita delle autonomie individuali e di gruppo, allo sviluppo di un livello di socialità e di capacità relazionale alta, alla produzione di livelli sempre più ricchi di coesione sociale. Un’occasione di crescita e unione sociale», dichiara il vice sindaco Nunzio Latrofa.

Il progetto pilota della durata di un anno sarà replicabile e prevede la possibilità per utenti dai 5 ai 40 anni di poter scegliere una tra le attività sportive proposte entrando direttamente a far parte di un gruppo di pari, seguiti e affiancati da istruttori e tecnici sportivi abilitati al trattamento delle persone con disabilità, che a loro volta saranno supportati da educatori. L’idea, accolta con interesse, entusiasmo e sensibilità dalle associazioni sportive di Noicàttaro, prevedere tra le discipline proposte il calcio, il karate, il football, judo, sitting volley e pallavolo, tiro con l’arco, basket, tennis, pattinaggio, ciclismo, baseball e l’innovativo calcio in carrozzina elettrica rappresentato dall’associazione Oltre Sport, che si è già distinta a livello nazionale nella disciplina del Powerchair Football e contribuirà al progetto fornendo istruttori paralimpici, supporto medico ed elevata preparazione.

«La carta internazionale per l’educazione e per lo sport dell’Unesco sancisce che la pratica sportiva è un diritto fondamentale per tutti, noi vogliamo garantire questo diritto in un’ottica inclusiva, creando una nuova cultura dell’accoglienza e dell’integrazione, ovvero un modo nuovo di accostarsi alle diverse abilità basandosi sui valori più importanti dello sport: socialità, benessere, divertimento, tempo libero e quindi andando a migliorare e a promuovere la qualità della vita di tutti», spiega la delegata alla pianificazione di strategie/attività relative a disabilità e fragilità Anna Lisa De Caro.

«Mondi che possono sembrare distanti, come quello sportivo e della disabilità, possono “incontrarsi” e “parlarsi”, grazie a questi progetti possono creare una connessione positiva in cui si completano sulla strada di un’inclusione sociale vera», conclude il delegato nei rapporti con le associazioni sportive Giacomo Innamorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: