Bari, prosegue l’impegno di Fastweb per un futuro più “green”: stamattina piantati 1000 alberi e arbusti a Palese

Anche quest’anno Fastweb contribuisce a rigenerare le aree verdi del territorio di Bari, con l’obiettivo di migliorare non solo la qualità dell’aria ma anche la qualità della vita degli abitanti. È stato infatti effettuato ieri il nuovo intervento di forestazione e riqualificazione ambientale promosso dalla società con il supporto dei suoi dipendenti che ha portato alla messa a dimora di 1.000 piante, tra alberi e arbusti, nella zona 167 del quartiere Palese accanto al playground comunale in via Minervino. I nuovi esemplari si aggiungono ai mille alberi già messi a dimora da Fastweb nel 2021 nel Parco Urbano Asi con l’obiettivo di migliorare il territorio comunale e contribuire a realizzare un futuro più eco sostenibile per la città attraverso la piantumazione di 3.000 alberi entro il 2023.

L’intervento di forestazione si è svolto con il contributo volontario dei dipendenti e delle loro famiglie che hanno preso parte all’attività odierna di messa a dimora delle piante. Un appuntamento che ha visto la partecipazione, inoltre, del sindaco Antonio Decaro, dell’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli, di Claudia Attanasio, manager of Environmental di Fastweb, Daniela Salzedo, direttrice di Legambiente Puglia, Daniela Cannizzaro presidente del Comitato di quartiere Palese zona 167 e di Alessandro Martella, direttore commerciale di AzzeroCO2.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra il Comune di Bari, Fastweb, il Comitato di quartiere Palese zona 167 e l’associazione Trame, vincitori del bando Rigenerazioni Creative promosso dalla ripartizione Urbanistica per il recupero e la gestione dell’area pubblica. L’iniziativa, che andrà ad integrarsi con il progetto promosso sull’area dalle due associazioni locali, si inserisce nell’ambito di Mosaico Verde, la campagna nazionale per la riqualificazione di aree urbane ed extraurbane e la tutela dei boschi esistenti ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, alla quale Fastweb ha aderito lo scorso anno impegnandosi nella messa a dimora di 9.000 alberi in tre anni nelle periferie di Milano, Roma e Bari. Rispetto alle piantumazioni già previste Fastweb quest’anno rilancia il proprio impegno con l’aggiunta di 6.000 alberi in sei nuove città, Catania, Torino, Genova, Pescara, Napoli e Cagliari.

Scopo dell’intervento nel quartiere Palese è quello di restituire alla comunità uno spazio a contatto con la natura e un luogo di aggregazione. Gli alberi e gli arbusti piantati contribuiranno inoltre a ridurre l’inquinamento atmosferico e mitigheranno gli effetti delle isole di calore creando nuove zone d’ombra e rendendo l’area più fruibile anche nelle stagioni più calde. Importante anche il ruolo che il nuovo verde avrà nel migliorare il quartiere dal punto divista paesaggistico. Particolare attenzione è stata posta nella scelta delle specie individuate tra quelle coerenti con le condizioni climatiche e naturalistiche del territorio, tra le quali l’orniello, il frassino, il lentisco e il pino d’Aleppo. Oltre alle attività di messa a dimora i partecipanti più piccoli hanno potuto prendere parte a un laboratorio creativo dedicato alla scoperta degli alberi stagionali di ulivo e arancio.

Il coinvolgimento in prima persona dei dipendenti dell’azienda a favore dell’ambiente fa parte della Settimana del Futuro, il progetto avviato da Fastweb per ispirare il proprio personale che può dedicare 5 giorni lavorativi all’anno per il raggiungimento degli obiettivi aziendali di sostenibilità ambientale e sociale aderendo su base volontaria a varie attività.

La campagna di Fastweb per riqualificare sempre più zone urbane del territorio nazionale si inserisce inoltre nella strategia dell’azienda per la salvaguardia del Pianeta attraverso la donazione di un milione di euro a favore di iniziative ambientali.

“Ogni albero piantato nella nostra città è una boccata d’ossigeno che dobbiamo custodire, valorizzare e far crescere. L’iniziativa di Fastweb, in questo senso, permette al nostro territorio di respirare a fondo grazie alla piantumazione di altri 1000 alberi, dopo quelli piantati lo scorso anno nell’area del consorzio ASI – ha commentato Antonio Decaro, sindaco di Bari -. Certamente voglio ringraziare l’azienda per questo intervento e per aver scelto ancora una volta Bari in questa prima selezione tra le città italiane, con l’impegno che noi per primi daremo seguito a questa azione straordinaria piantando nuovi alberi e progettando altre aree verdi in tutta la città. Siamo certi che iniziative come quella odierna rappresentino il miglior investimento sul futuro della città e delle giovani generazioni”

“Desidero ringraziare Fastweb e AzzeroCO2 per aver deciso, per la seconda volta, di piantumare mille tra alberi e arbusti nel nostro territorio. Si tratta di un intervento importante di forestazione urbana, particolarmente significativo perché in linea con l’implementazione del verde che l’amministrazione comunale sta realizzando in città – ha sottolineato Pietro Petruzzelli, assessore all’Ambiente -. È interessante anche il fatto che l’intervento si realizzi in un’area oggetto del bando Rigenerazioni creative. Inoltre, siamo particolarmente contenti che quest’anno la piantumazione venga effettuata in un’area della città con un’alta percentuale di raccolta differenziata, cosa che contribuisce a rendere più sostenibile la zona a nord della città”.

“Siamo veramente felici di essere nuovamente qui a Bari per poter proseguire il nostro percorso di riqualificazione ambientale in una nuova zona urbana della città con l’obiettivo di continuare a migliorare la qualità della vita di tutti gli abitanti – ha dichiarato Claudia Attanasio, manager of Environmental di Fastweb -. Grazie all’impegno di tante persone oggi contribuiamo concretamente all’assorbimento della CO2 nell’aria e al miglioramento della biodiversità ambientale, un impegno per il contrasto al cambiamento climatico che Fastweb persegue in virtù della sua strategia ambientale per diventare Carbon Neutral nel 2025”.

“Una giornata importante per il nostro quartiere perché finalmente, dopo non poche fatiche e difficoltà dovute al covid, diamo il via alla riqualificazione dell’area di via Minervino nella zona 167 di Palese – ha osservato Daniela Cannizzaro, presidente del Comitato di quartiere Palese zona 167 -. Grazie al bando del Comune di Bari “Rigenerazioni creative”, al quale il nostro comitato di quartiere e l’associazione Trame hanno aderito, e grazie al contributo di Fastweb e di AzzeroCO2, insieme a Legambiente oggi sono stati piantumati i primi alberelli e i primi arbusti. Possiamo dire che solo grazie alla rete creata tra associazioni, comune e cittadini si può migliorare il territorio nel quale si vive. Il nostro impegno sarà quello di proseguire nella realizzazione del parco e avviare tante belle attività partecipate”.

“Rigenerare il territorio restituendo alla comunità spazi di condivisione. Sono questi i punti chiave che riassumono l’intervento che, con il sostegno di Fastweb, abbiamo realizzato nel quartiere Palese di Bari. Un progetto sviluppato insieme con il Comitato Quartiere Palese zona 167 che lavora per rendere questo territorio più inclusivo, resiliente e sostenibile – ha proseguito Alessandro Martella, direttore commerciale di AzzeroCO2 -. Un contributo, il nostro, che quindi si inserisce in un progetto più grande volto ad incrementare il valore di questa zona. L’iniziativa rientra nel progetto europeo “LIFE Terra” che vede Legambiente come unico partener italiano e del quale noi siamo sostenitori, un esempio concreto di come il lavoro sinergico tra diverse realtà consenta di restituire pregia ai nostri territori e consegnare ai cittadini luoghi fruibili a contatto con la natura”.

“La sinergia fra comitati cittadini, amministrazione, AzzeroCO2, Fastweb e Legambiente segna anche quest’anno un importante traguardo verso la transizione ecologica. È importante sottolineare che l’impegno di ognuno di noi può contribuire a cambiare il paesaggio delle nostre città rendendole più verdi e sostenibili. Aver cura degli spazi comuni significa aver cura del futuro ed è fondamentale che gli obiettivi ambiziosi del progetto “LIFE Terra” siano condivisi da tutti noi – ha concluso Daniela Salzedo, direttrice di Legambiente Puglia -”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: