Polignano, sale la tensione tra Comune e Teknoservice

Quello che è successo ieri è di una gravità inaudita. L’interruzione di un pubblico servizio con presunte finalità educative rasenta il surreale. L’educazione alla raccolta differenziata passa per altre vie“. Sono queste le parole con cui i sindaco di Polignano Domenico Vitto ha commentato quanto verificatosi ieri nella città di Domenico Modugno. Le parole del primo cittadino polignanese, peraltro, seguono la nota redatta ieri 21 novembre, dal dirigente della Polizia Locale dott. Fernando Virgilio che si riporta di seguito: “Decidendo in modo tanto unilaterale quanto arbitrario di non effettuare la raccolta dei rifiuti, nell’ordierna giornata, la Società Teknoservice si assume una grave responsabilità, quella di interrompere in modo ingiustificato un pubblico servizio ai danni della collettività. Sulla base dei presupposti di fatto risibili (peggioramento della qualità della raccolta differenziata) o comunque infondati (svolgimento di una campagna di sensibilizzazione pubblica sulla raccolta differenziata che invece non è mai stata effettuata), la Teknoservice si arroga la potestà di rieducare la cittadinanza a comportamenti civili. La condotta della Società Teknoservice, cui non compete alcuna funzione di rieducazione civica della cittadinanza e tanto meno quella di intraprendere improvvisamente una battaglia di coscienza ambientale, appare tanto paradossale da rasentare il grottesco, anche alla luce delle evidenti e reiterate gravi inadempienze contrattuali nelle quali essa quotidianamente incorre nei confronti della cittadinanza. Sicuramente la situazione potrebbe migliorare – immediatamente e incisivamente – se la Teknoservice provvedesse a ripristinare la dotazione dei contenitori per la raccolta differenziata a favore dei cittadini che ne sono privi, che rappresentano la stragrande maggioranza degli utenti da servire“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: