Polignano, Lama Monachile devastata da abusi edilizi

Il nuovo sequestro eseguito dalla Guardia costiera, su decreto del gip (giudice per le indagini preliminari) del Tribunale di Bari, riporta l’attenzione sulla devastazione di Lama Monachile, area suggestiva della città nota in tutto il mondo per la sua caratteristica insenatura, ma sottoposta ad ogni tipo di “stupro” edilizio-urbanistico. Questo nuovo sequestro dimostra che non bastano i cedimenti della falesia, i frequenti crolli, i sequestri delle aree e le ordinanze che vietano la frequentazione di alcuni spazi della lama, a bloccare la mano di chi, mancando di rispetto alla natura che ha regalato a Polignano questa magnifica risorsa, continua a occupare spazi per farne “coperti”, terrazzini ad uso ristorativo, ma non solo. Riteniamo sia giunta l’ora, per la civica amministrazione, di scrivere o riscrivere le regole per l’uso di Lama Monachile. Prima che sia troppo tardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: